Stop allo sconto, su i prezzi del carburante

Come preannunciato nei giorni scorsi, dal 1° gennaio non c'è più lo sconto di 18,3 centesimi su benzina e gasolio, e il prezzo alla pompa è già salito.

Era stato ampiamente annunciato nei giorni scorsi, il governo non ha prorogato lo sconto di 18,3 centesimi su benzina e gasolio e da ieri 1° gennaio 2023, i prezzi dei carburanti sono tornati a salire dopo alcune settimane in cui ci si era abituati a importi “sostenibili”.

Il taglio sulle accise era stato garantito e prorogato a più riprese per venire incontro alle famiglie sempre più alle prese con l’inflazione e il caro energia ed era stato introdotto per la prima volta a marzo, poco dopo l’invasione russa dell’ Ucraina, sotto il Governo Draghi

L’esecutivo Meloni, almeno per ora, non ha prorogato ulteriormente lo ”scudo”.

Secondo il Codacons, la mancata proroga ha determinato un aumento di spesa di 9,15 euro a pieno. Su base annua +219,6 euro.

I prezzi a un distributore di Verona questa mattina.