Stanziati 750mila euro per la manutenzione degli impianti sportivi

Fra i circa 70 impianti, le priorità di intervento riguardano la palestra Zorzi di Parona, il centro sportivo Gavagnin, il campo da calcio Busani in via don Luigi Sturzo, l’impianto sportivo di Valpantena, la palestra di Quinto in via Monte Recamao e il centro sportivo “Consolini” di Basso Acquar.

cs verona network

Rifacimento coperture palestre, posa pavimentazione sportiva ed installazione di nuove recinzioni. Sono questi alcuni dei principali interventi, urgenti ed inderogabili, effettuati dal Comune di Verona in alcune strutture sportive, con lo stanziamento di 750mila euro. Un investimento consistente destinato alla sistemazione di impianti che presentano oggi criticità di grande e piccola portata da risolvere. Il progetto definitivo, con l’utilizzo di parte dell’avanzo di bilancio a copertura dei costi, è stato approvato dalla giunta in questi giorni.

Leggi anche: Tosi: «Aiuti Covid alle associazioni poco fruibili»

Fra i circa 70 impianti, le priorità di intervento riguardano la palestra Zorzi di Parona, il centro sportivo Gavagnin, il campo da calcio Busani in via don Luigi Sturzo, l’impianto sportivo di Valpantena, la palestra di Quinto in via Monte Recamao, il centro sportivo “Consolini” di Basso Acquar. Saranno inoltre effettuati: interventi alle capriate metalliche di copertura del Palazzetto dello Sport; manutenzione straordinaria delle strutture portanti dello stadio Bentegodi; esecuzione dei lavori propedeutici all’ottenimento del certificato di prevenzione incendi da parte del Centro Polisportivo Consolini di Basso Acquar; rifacimento delle pendenze dell’area prospiciente il Palazzetto di Quinto al fine di evitare ulteriori allagamenti alla proprietà privata confinante. In seguito, con un programma lavori su tutto il territorio veronese, si procederà con le ulteriori opere di minore entità che, oggi, non inficiano il pieno utilizzo delle strutture sportive.

Principali interventi

  • Manutenzione straordinaria alla copertura metallica della palestra Zorzi di Parona, al fine di eliminare le infiltrazioni di acqua meteorica;
  • Realizzazione di una nuova recinzione metallica nel campo da calcio “Busani” di via Don Sturzo e collocazione di container ad uso magazzino;
  • Realizzazione di una recinzione di protezione alta dodici metri nel campo da baseball del Centro polisportivo “Gavagni-Nocini” di via Montorio;
  • Manutenzione della muratura in sasso all’impianto sportivo Valpantena e nella palestra di Quinto di via Monte Recamao;
  • Rifacimento di parte della pavimentazione sportiva in parquet, danneggiata da infiltrazioni d’acqua, nella palestra del Centro Polisportivo Consolini di Basso Acquar.

Il piano d’intervento è stato illustrato ieri mattina dall’assessore all’Edilizia sportiva Andrea Bassi. «Questo difficile periodo di pandemia – ha dichiarato Bassi –, segnato da un complessivo stop delle attività sportive e dalla mancata possibilità di seguire in presenza gli eventi, ci consente però d’intervenire in tutti quegli impianti che presentano oggi particolari criticità, così da riuscire a renderli più sicuri e fruibili per i cittadini. Tramite questa manutenzione straordinaria andremo ad intervenire su una settantina di nostre proprietà sportive. Lavori più o meno urgenti, di piccola e grande entità, che vogliamo effettuare al più presto. Nella prima fase si partirà con le strutture più ammalorate, fino ad arrivare a quelle che necessitano di semplici adeguamenti. In presenza di ulteriori criticità, che potranno generarsi nel corso del prossimo anno, gli interventi programmati saranno modificati, per dare immediata risposta alle nuove emergenze».