Verona Rugby, saluti e ringraziamenti dalla presidente

Tempo di bilanci per Raffaella Vittadello, presidente di Verona Rugby. Le sue parole in una lettera comparsa stamattina sul canale ufficiale della società. «Spirito di famiglia e serenità» ciò che deve contraddistinguere sempre il gruppo veronese.  

«Cari atleti, cari genitori, cari collaboratori e volontari del Verona Rugby, volevo condividere solo qualche riflessione e qualche parola di ringraziamento e saluto al concludersi di un’altra stagione sportiva, lunga e appassionante».

Si apre così il messaggio che Raffaella Vittadello, presidente di Verona Rugby, ha voluto dedicare a tutta la “comunità” della palla ovale. 

«È stata senza dubbio una stagione impegnativa, anche dura, sia sul piano agonistico che su quello logistico, nella quale le gioie si sono mescolate alle preoccupazioni, gli entusiasmi si sono intrecciati alle difficoltà e le soddisfazioni si sono incrociate con le delusioni. Ma nello sport, e soprattutto in uno sport come il rugby, ci sono sia le zone e i momenti di gioia e leggerezza che quelli di tristezza e scoramento. Soprattutto, però, dal rugby ci viene sempre l’insegnamento a non abbatterci, a guardare una realtà nel suo insieme e a far tesoro degli errori per migliorare».

Per tutti, dunque, un anno di crescita importante. Un anno in cui i bambini ed i ragazzi sono migliorati sia rugbisticamente sia umanamente.

«Un anno in cui tutti voi che fate parte di questa nostra comunità, ognuno con la sua personalità, il suo stile e il suo ruolo, avete dato un contributo prezioso. Un contributo di passione, di condivisione e di sostegno. Un contributo che è stata la forza che ha consentito a me e Vladimir di andare oltre le difficoltà che abbiamo affrontato e che affrontiamo giornalmente».

«I vostri bambini – prosegue la Vittadello – sono per noi una fonte inesauribile di energia e di positività per guardare sempre con fiducia e determinazione al futuro. E di questo esserci e di questo condividere il progetto del Verona Rugby voglio ringraziarvi di cuore».

Per la società è stata anche la prima stagione con il Payanini Center come casa. «Una casa nuova – scrive la Vittadello – e piena di opportunità che stiamo imparando a valorizzare. Una casa che chiede di essere ancora più vissuta e utilizzata per sviluppare appieno le sue potenzialità ed essere un valore aggiunto. Un luogo bellissimo non solo per il rugby italiano ma anche per la nostra città».

La presidente conclude ricordando il Torneo Città di Verona che si è svolto domenica 2 giugno. Lo definisce «un meraviglioso momento di sporteducazione e divertimento in cui tutta la nostra community ha partecipato con gioia e generosità. Con quello spirito di famiglia e serenità che vogliamo ci contraddistingua».

è con questa immagine che la Vittadello torna a ringraziare tutti, augurando «un’estate felice e inviandovi un gioioso ‘arrivederci’ alla prossima stagione che vivremo assieme».