Ronnie Quintarelli, quarto titolo in Super GT

Il pilota di Sant’Anna d’Alfaedo ha conquistato il quarto successo nel Super GT giapponese. Mai nessuno era riuscito a fare come lui nella serie del Sol Levante. La Lessinia è in festa per il suo campione.

Ci era riuscito nel 2011 e nel 2012 in coppia con Masataka Yanagida. Nel 2013 è diventato il primo pilota non giapponese a vincere tre volte il titolo Super GT, condividendo l’abitacolo con Tsugio Matsuda. Mancava un’altra affermazione, il poker, per entrare nell’olimpo dell’automobilismo mondiale. Ronnie Quintarelli ci è riuscito quest’anno, agguantando all’ultima gara stagionale, sul circuito di Motegi, il quarto sigillo iridato nella serie a ruote coperte più affascinante del mondo, portando la Nissan GTR ufficiale Nismo nuovamente in vetta alla classifica. Nessuno prima di lui aveva conquistato questa serie per quattro volte.

Non è stato facile, perché fino all’ultimo giro non si conosceva il verdetto. In qualifica, su pista bagnata, Quintarelli ha dovuto accontentarsi del dodicesimo posto in griglia sapendo che con due punti di distacco dalla vetta della classifica avrebbe dovuto lottare come un drago per riuscire a recuperare posizioni durante la gara. Un’impresa decisamente complicata. La gara ha visto team e piloti partire con pista bagnata, ma senza pioggia e con condizioni in miglioramento. Ronnie ha guidato al via e nella prima parte della corsa, guadagnando posizioni su posizioni sin dai primi giri anche grazie ad un pacchetto vettura-gomme estremamente performante. Al venticinquesimo passaggio, un giro dopo rispetto ai leader di campionato dell’equipaggio Nissan Calsonic, Quintarelli è quindi rientrato ai box cedendo il volante a Matsuda che ha montato le gomme slick (lisce, ndr). Grazie a questa scelta strategica, Matsuda ha recuperato sino al secondo posto, regalando la matematica certezza dell’affermazione in campionato, la seconda consecutiva dopo quella dello scorso anno.

«Per me oggi si avvera un sogno» ha detto Quintarelli a fine gara. «Sin dai primi anni in Giappone, quando correvo ancora in Formula 3, il mio sogno è sempre stato quello di competere nel difficilissimo e spettacolare campionato Super GT. Esserne diventato protagonista, conquistando quattro titoli nelle ultime cinque stagioni, mi rende estremamente felice e ripaga tutti gli sforzi personali e sacrifici di questi anni. Un grazie va a Nismo, Michelin, agli sponsor e ai miei compagni di squadra di queste stagioni per aver creduto in me. Ho sempre avuto a disposizione una macchina all’altezza. Essere diventato l’unico pilota ad aver vinto quattro campionati nella serie è qualcosa di eccezionale, un record personale che ho voluto fortemente anche considerando che ho basato tutta la mia vita in Giappone. Grazie alla mia splendida famiglia che mi supporta sempre e mi sostiene per poter raggiungere queste imprese e sopperire anche a tutti i momenti difficili».

 La stagione in pillole:

ROUND 1 OKAYAMA – RITIRATO
ROUND 2 FUJI – 1° POSTO
ROUND 3 THAILAND – 5° POSTO
ROUND 4 FUJI – 4° POSTO
ROUND 5 SUZUKA – 7° POSTO
ROUND 6 SUGO – 6° POSTO
ROUND 7 AUTOPOLIS – 1° POSTO
ROUND 8 MOTEGI – 2° POSTO
Vettura: Nissani Nismo Motul Autec GTR
Compagno di squadra: Tsugio Matsuda
Punti totali campionato: 79
Punti totali squadra: 100