L’U.S. VALPANTENA CAMBIA VOLTO MA NON LO SPIRITO

<italic>Sarà l’anno dei giovani per la squadra di Alcenago (Grezzana) che passata la recente batosta (retrocessione in terza categoria) si prepara per la prossima stagione con dei volti nuovi sia in panchina che sul campo.</italic>

Non manca molto al fischio d’inizio del campionato 2009/2010; dopo la brutta e sfortunata annata da poco conclusa, l’U.S. Valpantena è pronto a dare battaglia sui campi del veronese, con molte novità.

La prima, è il mister: è arrivato alla corte del presidente Dario Brunelli, Massimo Palumbo – impegnato da qualche anno in diversi settori giovanili – chiamato a sostituire “il sergente croato” Rino Sestan ora in forza ai “cugini” neroverdi del Lugo.

La seconda riguarda la formazione: con il forfait ormai quasi certo dei tre Iseppi (i titanici fratelli Emanuel e Patrick e il cugino Riccardo), assieme a quello del roccioso difensore Enrico Tommasi, del centrocampista Paolo Biasin e con alcune partenze piuttosto importanti come quella del centrale Omar Branzi (passato nei giorni scorsi all’Ares) e forse quella del regista Marco Vanti, il presidente della società gialloverde ha dovuto fare scelte radicali.

«Anche quest’anno ci presenteremo alla griglia di partenza del campionato, nonostante alcune voci non vere mettessero in dubbio la nostra partecipazione» afferma, anzi conferma, il presidente Brunelli «ma con una rosa di 10-15 giocatori nuovi. Punteremo soprattutto sui giovani della nostra vallata, alcuni da Alcenago, altri da Grezzana, Lugo e Stallavena, senza dimenticare coloro che sono rimasti dall’anno scorso».

«Tra i pali» continua Brunelli «ci sarà Nicola Bertagnoli, in quanto Marco Merzi ha deciso di prendersi un anno sabbatico dicendomi comunque che se servirà un aiuto sarà disponibile, quindi la porta non rimarrà scoperta, anzi…».

Facce nuove, dunque, per l’U.S.Valpantena, una rosa ringiovanita che però non si è privata delle sue forti punte Thiago Silva e Luca Zanini e, soprattutto, del veterano Igor Rossi (lo ricorderanno anche alcuni tifosi del Grezzana) che ormai da tre anni fa parte di questo gruppo e punta a restarci fino a fine carriera. «Questo probabilmente sarà il mio ultimo anno da calciatore» precisa Rossi «ho rifiutato delle offerte perché qui mi trovo bene e poi perché penso che posso fare ancora una bella figura in questa categoria».

Vecchi e nuovi insomma, il mix perfetto (si spera) per arrivare fino in fondo ad un campionato sicuramente non semplice con un gruppo di giovani calciatori che, come dice Brunelli, «forse non subito, ma tra un paio d’anni riporteranno lontano questo Valpantena, perché è solo con il gruppo che si possono raggiungere traguardi importanti».

Mattia Zuanni
<mail=’mailto:mattia.zuanni@giornalepantheon.it’>mattia.zuanni@giornalepantheon.it</mail>