La signora del rugby, ospite per la prima volta al Bentegodi

“La signora del rugby”. Così avevamo titolato sulla copertina di Pantheon 95, edizione di novembre 2018, per presentare al pubblico Raffaella Vittadello, presidente del Verona Rugby. L’imprenditrice di origine padovana, veronese d’adozione, si è innamorata molti anni fa della palla ovale e con un investimento personale importante ha regalato alla città il Payanini Center, lo stadio del rugby scaligero, tra i più moderni e apprezzati d’Italia. Domenica sera, dopo la partita dell’Hellas contro il Crotone, ha fatto visita per la prima volta al Bentegodi.

Domenica scorsa, dopo la partita dell’Hellas Verona disputata e pareggiata in casa col Crotone, la Vittadello ha fatto visita per la prima volta a un altro stadio, il Bentegodi, incontrando la dirigenza gialloblu e il presidente Maurizio Setti.

La presidente del Verona Rugby, accompagnata dal marito Vladimir Payano, ha partecipato al walkabout organizzato prima di ogni partita all’interno dello stadio, in un percorso che spazia dalla zona interviste agli spogliatoi, dalla sede degli Ex Gialloblù al tunnel con i pannelli che illustrano i 116 anni di storia del Verona. Poi l’ingresso a bordocampo, dove è avvenuto l’incontro con il presidente Setti, che ha poi ospitato la Vittadello nelle aree lounge dello stadio per assistere alla sfida.

«Un luogo magico – ha commentato la presidente del Verona Rugby – molto importante per questa città. Si respira una forte passione qui, un elemento fondamentale che condividiamo anche al Verona Rugby. Allo stesso tempo ci accomuna la volontà di gestire le realtà sportive nel modo migliore possibile, puntando molto sui giovani e su tutto quello che può aiutarne l’educazione. I ragazzi sono il domani, noi che ne abbiamo la possibilità dobbiamo aiutarli a crescere attraverso lo sport e i valori».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.