Desire, sabato 23 in Gran Guardia per lo sport e la disabilità

Dall’oro olimpico di Atlanta a Verona per parlare di sport d’acqua, ma anche di disabilità: è l’evento “Di nuovo in rotta: dall’oro olimpico al progetto Desire” di sabato 23 febbraio, promosso dallo Yacht Club Verona e presentato oggi in sala Arazzi dal presidente Claudio Perina alla presenza dell’assessore allo Sport Filippo Prando.

“Discipline come la canoa e la vela – ha detto Rando -, non solo mettono l’uomo a contatto con la natura, ma possono essere praticate da tutti, a prescindere dalle possibilità fisiche. Ecco perché le testimonianze che si susseguiranno nel corso della serata saranno importanti per conoscere i risvolti positivi che questi sport hanno nella vita di tante persone”.

La serata sarà dedicata alla presentazione del progetto Desire, nato dall’idea della medaglia d’oro Daniele Scarpa e della moglie Sandra Truccolo, vittima di un grave incidente, per far vivere il mare a 360 gradi anche a chi è affetto da disabilità.

Ospiti d’onore della serata insieme a Daniele Scarpa anche l’altra medaglia d’oro Antonio Rossi. In omaggio ai due canosti verrà riproposto il video dell’emozionante finale olimpica della K2 1000, mentre da Roma ci sarà un sentito collegamento con il telecronista Giampiero Galeazzi. 

Il leggendario giornalista e velista triestino Berti Bruss, storico commentatore della Barcolana, illustrerà invece il progetto “Dis-Equality”, da lui stesso sviluppato dopo aver intrapreso una regata lungo le coste italiane nel 2012 insieme a un ragazzo non vedente.

Tra i presenti della serata anche Nicole Orlando, atleta con sindrome di Down, nove volte campionessa di atletica leggera.