Concorso “Muoversi”, il primo premio ancora a una donna

concorso muoversi

2 mila gli iscritti all’iniziativa volta a premiare la mobilità sostenibile.

Percorre a piedi 10 chilometri al giorno, per andare al lavoro ma anche per spostarsi in città. In alternativa, usa la bici o l’autobus. Elisabetta Barana, di origine polacca ma residente a Verona da 24 anni, fa della mobilità sostenibile uno stile di vita. E da oggi avrà uno strumento in più per spostarsi in modo green, ovvero la bicicletta elettrica che ha vinto partecipando al concorso “Muoversi”.

E’ ancora una donna la prima estratta del progetto promosso dal Comune e Agsm per il mese di maggio, che vince appunto la bici elettrica. Al secondo estratto va invece un abbonamento annuale all’autobus cittadino Atv, mentre per altri tre estratti è stato messo in palio un abbonamento al bike sharing cittadino.
La consegna dei premi è avvenuta oggi in municipio, alla presenza degli assessori all’Ambiente Ilaria Segala e alla Mobilità e Traffico Luca Zanotto, entrambi soddisfatti dei numeri che sta registrando l’iniziativa

Rispetto ad aprile, primo mese di attivazione dell’app, in maggio i bonus totali di spostamento sono quasi raddoppiati, passando da 2795 a 4500, che tradotto significa che nell’ultimo mese i cittadini veronesi hanno usato molto meno l’auto, privilegiando i mezzi sostenibili, nonostante il brutto tempo che non ha dato tregua. Proprio a causa della pioggia, in maggio gli spostamenti registrati dagli utenti sono stati per la maggior parte a piedi (80%), in bicicletta (13%) e autobus (7%). Dal primo giugno è partito il nuovo monitoraggio, per i mesi di giugno, luglio e agosto.

«Il brutto tempo di maggio non ha demotivato i cittadini più virtuosi – ha detto l’assessore Segala – che anzi hanno partecipato ancora più numerosi al concorso “Muoversi” . Un segno che la mentalità sta cambiando e che premia l’impegno dell’amministrazione nel promuovere la mobilità sostenibile. Andiamo incontro all’estate vera e propria, la stagione migliore per scoprire quanto è bello, comodo e salutare non usare l’automobile. L’invito ai cittadini è quindi scontato, lasciate l’auto in garage e partecipate al concorso, che prosegue tutta estate”. Partecipa al concorso anche l’assessore Zanotto, che ammette di spostarsi quasi sempre in bici o a piedi. «Il progetto non si ferma con le premiazioni, che anzi devono essere da stimolo per proseguire lungo la strada tracciata. Questa è solo una delle tante iniziative messe in campo sul tema della mobilità sostenibile, ed altre ne arriveranno nei prossimi mesi. Lavoriamo per porre le condizioni affinché i mezzi alternativi all’auto diventino uso comune, in estate come in inverno».

Non è un caso che le premiazioni si siano svolte proprio questa mattina. Oggi, infatti, in tutto il mondo si festeggia la giornata mondiale dell’Ambiente, con iniziative di sensibilizzazione sul tema. Le scuole superiori si sono date appuntamento al Parco dell’Adige Giarol Grande, a conclusione del campionato scolastico di ciclabilità che durante l’anno ha visto gli studenti privilegiare la bici come mezzo di spostamento quotidiano nel percorso casa-scuola.

Nove gli istituti superiori della città che hanno partecipato al progetto, per un totale di 7.800 studenti coinvolti, dei quali 4.440 residenti nel Comune di Verona.  L’istituto più virtuoso è stato il Liceo Messedaglia, con il maggior numero di studenti ciclisti residenti a Verona, 203 ragazzi pari al 23% degli iscritti alla scuola.
Al Liceo è stato assegnato come premio la somma di 750 euro, che verrà usata per promuovere tra i giovani l’uso della bici.

concorso muoversi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.