Cheerleading, a Rimini tripletta per i lupatotini del team Lions – Gemini Cheers

New call-to-action

Al via ieri presso il RDS Stadium di Rimini la due giorni dei Ficec Nationals, i campionati nazionali di cheerleading promossi dalla Federazione Italiana Cheerleading e Cheersport. Partenza col botto per il team di San Giovanni Lupatoto delle Lions – Gemini Cheers.

Suell 139 routine della giornata , la formazione veronese si è qualificata prima nelle categorie Stunt Elite con 249,5 punti, Stunt Premier con 257 punti per la coppia Vangelisti e Fasoli, e Group Stunt Elite con 271,5 punti. 

Lo sport del cheerleading combina elementi di acrobatica, ginnastica artistica e danza e si compone principalmente di due sfaccettature. Quella di tifoseria (Cheerleading Sideline)  sua forma originaria e quella agonistica (Cheerleading All Star) , più recente e competitiva, accessibile ad atleti di entrambi i sessi e , recentemente, anche agli atleti con disabilità (paracheers). 

In entrambe le tipologie, la pratica del cheerleading prevede all’interno di una coreografia parti di tumbling (acrobatica), stunt (sollevamenti e lanci di persone), piramidi (unione di più stunt), jumps, cheer ( la parte specifica di tifo, dove si intona un canto accompagnato dall’esecuzione di stunt) e dance.

In Italia il cheerleading agonistico è arrivato negli anni 2000, prendendo piede sempre più rapidamente. Ad oggi sul territorio italiano si contano più di 100 società, con all’interno in media più di un team.

Il capoluogo scaligero ospiterà di nuovo un evento della Ficec alla fine di maggio in occasione dei Gardaland Open , mentre per il 2020 toccherà agli Europei di Cheerleading.

[pantheon_gallery id=”71776″][/pantheon_gallery]