Che festa per Ronnie Quintarelli!

Erano quasi in duecento la scorsa domenica al ristorante Tesoro di Sant’Anna d’Alfaedo, sede del suo Fan Club Italia, a rendergli omaggio.

di Matteo Scolari

Ronnie Quintarelli, dopo essere entrato nella storia dello sport mondiale con la quarta vittoria in cinque anni nel Super GT giapponese, ha ricevuto un’accoglienza straordinaria nel piccolo comune della Lessinia che l’ha visto nascere, crescere e spiccare il volo del successo, oltre dieci anni fa, verso il Paese del sol levante.

Amici di ieri, di oggi, famigliari, parenti, tifosi, ex compagni di scuderia e di gara, ex piloti e piloti dell’automobilismo scaligero, giornalisti del settore, addirittura un ex compagno di naja giunto da Pordenone…tutti lì a stringersi attorno a un ragazzo incredibile che ha stupito il mondo delle corse con i suoi risultati in pista, con la sua determinazione nel raggiungere un obiettivo (tipica del grande campione), con la sua visione chiara e lucida del suo percorso professionale e con la capacità di rimanere semplice, nei toni e nei modi, nonostante una celebrità che in Giappone è paragonabile a quella di un Valentino Rossi in Italia.

«Vi ringrazio per essere qui oggi a celebrare la vittoria del Campionato. È un giorno di festa da vivere tutti insieme» ha dichiarato il pilota della Nissan Nismo ufficiale, aggiungendo «Il risultato ottenuto quest’anno è stato particolarmente importante per me perché mi ha permesso di fare quel salto che nessuno, fino ad ora, era riuscito a compiere, ovvero vincere quattro titoli di Super GT».

«Non era scontato» ha proseguito Ronnie Quintarelli «e non nascondo che ci sono stati anche dei momenti di difficoltà durante la stagione. A tre gare dalla fine eravamo quinti in classifica generale, ma ci abbiamo sempre creduto. E anche in quei frangenti in cui sarebbe stato facile abbattersi, ho sentito il calore e il tifo dall’Italia. Messaggi di incoraggiamento e di sostegno che hanno contribuito al raggiungimento della vittoria finale. Vi ringrazio davvero per l’affetto e l’attaccamento dimostrato».

E il primo cittadino di Sant’anna d’Alfaedo, Raffaello Campostrini, assieme ai consiglieri Ivan Marconi e Samuele Tommasi, ha omaggiato a nome di tutta la cittadinanza il pilota conterraneo donandogli una targa speciale di ringraziamento.

consegna-targa
Samuele Tommasi, Ronnie Quintarelli. Raffaello Campostrini e Ivan Marconi

«Per noi cittadini di Sant’Anna è un onore avere un campione come Ronnie, esempio da seguire nello sport come nella vita» ha affermato il sindaco.

Una giornata ricca di emozioni alla quale hanno partecipato altri sportivi, amici di Ronnie, come Davide Padovani (già campione italiano di kart) e Vincenzo Azzolina (già campione europeo sempre di kart), ma anche commissari di gara e ufficiali ACI come Gianfranco Booloni.

Una festa voluta e organizzata in primis dal presidente del Fan Club, Denis Marconi, primo tifoso di Ronnie Quintarelli, capace di coinvolgere grandi e piccini con il suo entusiasmo e con il suo impegno sul territorio che si concretizza anche d’estate con la manifestazione “Motori in piazza”. E proprio nell’ultima edizione, a luglio 2015, sono stati raccolti fondi in collaborazione con la scuderia veronese Omega, per l’associazione no profit Italians for Tohoku  nata per contribuire direttamente, e in maniera fattiva, alla ripresa delle aree disastrate a seguito del terremoto dell’11 marzo 2011 che ha colpito il Giappone.

consegna-assegno
La donazione per l’associazione Italians for Tohoku

Ronnie ci ha detto che già a gennaio riprenderanno i test per la prossima stagione e poi via, alla caccia del quinto titolo. Ce l’ha detto con quella convinzione che l’ha sempre accompagnato fino ad oggi. Se tanto ci dà tanto…in bocca al lupo campione!

GUARDA IL VIDEO DELLE STAGIONE 2015