Carta Etica dello Sport a fumetti: a premiare i vincitori la Pellegrini

Mercoledì 16 gennaio, alle 11:30 nel Palazzo della Gran Guardia, si svolgerà la cerimonia di premiazione del concorso “Disegna a fumetti la Carta Etica dello Sport”, rivolto alle classi delle scuole venete secondarie di primo e secondo grado e degli istituti professionali.

Sarà la campionessa di nuoto Federica Pellegrini, testimonial dell’iniziativa, a premiare i vincitori, i cui lavori saranno pubblicati in un volume che ospiterà anche una storia a fumetti redatta da autori professionisti sulla Carta Etica dello sport e che avrà per protagonista la stessa Pellegrini. “Continua l’opera di divulgazione dei valori della Carta Etica dello Sport del Veneto – sottolinea l’assessore regionale Cristiano Corazzari – e anche questo appuntamento, impreziosito dalla partecipazione di una delle più grandi atlete italiane di sempre,  contribuirà a farla conoscere soprattutto tra i giovani”.

La Carta Etica afferma i principi del rispetto, della solidarietà, della lealtà, dell’inclusione ed è un codice di comportamento per chiunque viva lo sport, nei ruoli più diversi: atleta, tecnico, dirigente, accompagnatore, genitore e spettatore. “Quello che è accaduto anche recentemente sui campi di calcio della massima serie nazionale – conclude Corazzari – dimostra quanta strada ci sia ancora da fare nel nostro Paese per educare le persone a interpretare lo sport come momento di aggregazione, di sano divertimento, di formazione e di crescita. La nostra Regione è convintamente impegnata su questo fronte, coinvolgendo in particolare il mondo giovanile e scolastico”.

Alla cerimonia, oltre a Federica Pellegrini e all’assessore Cristiano Corazzari, interverranno l’assessore veronese Filippo Rando, il presidente del Comitato Regionale Veneto dell’Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia (UNPLI), Giovanni Follador, il direttore generale Miur-USR Veneto, Augusta Celada, il presidente del Comitato Italiano Paralimpico – C.R. Veneto, Ruggero Vilnai, il vicepresidente del Coni Veneto, Guido Di Guida.