Sparatoria a Santa Lucia, avviate le indagini della polizia

Nella serata di ieri, intorno alle 18, gli agenti delle Volanti sono intervenuti in zona Santa Lucia a seguito della notizia di colpi d’arma da fuoco esplosi in via Villafranca, all’altezza del civico 87. La segnalazione è arrivata alla Centrale Operativa della Questura di Verona da parte di un residente, che affermava di aver udito dei colpi d’arma da fuoco.

Le pattuglie, raggiunte, poco dopo, dagli agenti della Squadra Mobile, della Polizia Scientifica e dalle Unità Operative di Pronto Intervento, hanno identificato l’uomo che aveva sparato: una guardia giurata di 46 anni residente in provincia di Verona.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, ancora al vaglio degli investigatori, alla base della vicenda ci sarebbe una diatriba sorta in merito alla compravendita di alcuni oggetti di valore, evidentemente non andata a buon fine.

I rilievi della Polizia Scientifica hanno confermato che i colpi sono stati esplosi contro l’auto sulla quale un 41enne veronese, con l’aiuto di un complice, si è dato alla fuga per poi raggiungere, viste le ferite riportate, l’Ospedale di Borgo Roma dove ha ricevuto le prime cure. L’uomo è stato, infatti, raggiunto da due proiettili: uno al braccio e l’altro alla schiena.

Gli agenti, in queste ore, hanno raccolto le dichiarazioni delle parti coinvolte e dei testimoni dell’accaduto al fine di ricostruire compiutamente la vicenda, che è ora al vaglio dell’Autorità Giudiziaria. All’esame degli inquirenti anche il materiale sequestrato: l’arma da fuoco utilizzata dalla Guardia Giurata, il suo telefono cellulare, i bossoli rinvenuti sul luogo della sparatoria e l’auto con la quale il ferito ha raggiunto il Pronto Soccorso.