Spaccio di cocaina in Veronetta: la Polizia ferma due pusher

Spacciavano nel quartiere di “Veronetta”: 27enne arrestato dalla Polizia di Stato. Denunciato anche il suo complice, trovato in possesso di due cellulari e di denaro in contanti ritenuti presumibile provento dell’attività.

Polizia Verona carcere spaccio bassa veronese
Foto d'archivio

Nel corso dei servizi della Polizia di Stato veronese volti alla prevenzione e al contrasto del commercio illegale di sostanze stupefacenti in città, sono stati segnalati, nel quartiere di Veronetta, presunti episodi di spaccio da parte di cittadini di origine centro-africana, molti di nazionalità nigeriana.

Grazie all’attività di osservazione e appostamento predisposta, alla luce delle informazioni raccolte, nella zona compresa tra via XX settembre e via San Nazaro, gli agenti della sezione Antidroga, ieri mattina, giovedì 29 febbraio, intorno alle 11, hanno assistito ad uno scambio, tra due cittadini stranieri, di quella che in un secondo momento è risultata essere una dose di cocaina.

LEGGI ANCHE: Meloni a Veronafiere, elogio al Made in Italy

Il pusher e il cliente sono stati subito intercettati dai polizotti insieme a un altro uomo di nazionalità nigeriana che si accompagnava con lo spacciatore e che, alla vista degli agenti, ha tentato di scappare.

Il pusher – nato in Nigeria nel ‘97, irregolare sul territorio nazionale e gravato da numerosi precedenti specifici – è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e trattenuto, su disposizione dell’autorità giudiziaria, nelle camere di sicurezza della Questura in attesa della celebrazione del rito direttissimo, all’esito del quale – questa mattina – il Giudice ha convalidato l’arresto.

Il secondo uomo – anch’esso nigeriano del ‘98, irregolare sul territorio nazionale e con precedenti specifici – è stato denunciato per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente commesso in concorso con il connazionale. L’uomo, all’atto del controllo, è stato infatti trovato in possesso di 2 telefoni cellulari e di 480 euro in banconote di piccolo taglio, somma ritenuta presumibile provento dell’attività di spaccio.

Nei suoi confronti, la Divisione Anticrimine della Questura ha emesso il foglio di via obbligatorio dal comune di Verona per la durata di 4 anni. Arresto convalidato, invece, per il ventisettenne finito in manette.

LEGGI ANCHE: Autovelox a Verona: ecco dove sono questa settimana

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!

CLICCA QUI

PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM