Spacciatore sorpreso “al lavoro”, arrestato 55enne

L'uomo, un pluripregiudicato residente a Bussolengo è stato trovato alle 7 di mattina in Corso Cavour intento a spacciare in diversi punti del centro storico.

Una prima fermata durante l’itinerario di spaccio è stata compiuta in via Rosmini: l’uomo, incontratosi con quello che dopo poco sarebbe stato identificato quale tossico di Verona, ha estratto da un pacchetto di sigarette di colore rosso una dose di eroina da 1 grammo circa, furtivamente consegnata in cambio di denaro. Procedendo lungo il suo itinerario, in via lenotti ha nuovamente arrestato la sua corsa per cedere una ulteriore dose di eroina, sempre “pescandola” dal pacchetto di sigarette che aveva tirato fuori poco prima in via lenotti. A Castelvecchio poi, all’incrocio tra via Roma e via Cavour, ha incontrato un terzo tossicodipendente, a cui però non è riuscito a vendere la dose: prontamente fermato dagli operanti, è stato sottoposto a perquisizione personale con esito positivo.

Nel famoso pacchetto di sigarette sono state trovate altre due dosi di stupefacente, di circa 80 grammi ciascuna, due telefoni cellulari e ben 865€ in contanti. Condotto in caserma per una perquisizione più approfondita, ulteriori 9 involucri di eroina di vario peso da circa un grammo ciascuna, sono stati rinvenuti nella sua disponibilità. Per di più, c’è da aggiungere che il soggetto, un pluripregiudicato nato a bussolengo classe 65, era sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, con possibilità di recarsi al Sert di bussolengo dalle 8 alle 11. Peccato che lui impiegasse quel tempo per dedicarsi, su Verona, all’attività di spaccio. È stato così tratto in arresto per i reati di evasione, spaccio continuato e detenzione ai fini di spaccio. Questa mattina il giudice, con rito direttissimo, ha convalidato l’arresto e disposto la misura degli arresti domiciliari, con autorizzazione a recarsi presso il SERT di bussolengo previo avviso ai carabinieri competenti per territorio.