Sospeso l’account X di Luca Castellini, Berizzi: «Buona notizia»

Sul social di Elon Musk (ex Twitter) sono stati sospesi gli account dei leader di Forza Nuova Roberto Fiore e Luca Castellini, veronese. Il giornalista di Repubblica ha dedicato loro oggi la sua rubrica quotidiana.

A sinistra l'account sospeso di Luca Castellini, a destra Paolo Berizzi
A sinistra l'account sospeso di Luca Castellini, a destra Paolo Berizzi
New call-to-action

Negli scorsi giorni sono stati sospesi gli account X (il social già noto come Twitter) di Roberto Fiore e Luca Castellini, due dei leader nazionali di Forza Nuova. Il noto giornalista di Repubblica Paolo Berizzi ha dedicato due post sul suo account X: «Ogni tanto qualche buona notizia» ha scritto nel caso di Fiore e «E due! Altra buona notizia» ieri per il veronese Castellini.

Berizzi, che da tempo dedica la sua attività a raccontare l’estrema destra italiana e che ha pubblicato un libro dedicato alla città di Verona “È gradita la camicia nera, oggi ha commentato la sospensione anche sulla sua rubrica “Pietre” su La Repubblica.

LEGGI ANCHE: Verona attende il sorriso di Papa Francesco

«Sugli account di Fiore e Castellini – già condannati rispettivamente a 8 anni e mezzo e a 8 anni e due mesi per l’assalto con devastazione alla sede della Cgil del 9 ottobre 2021 – comparivano le immagini della testa del corteo nero diretto appunto alla sede sindacale (Fiore) e del vicesegretario forzanovista (Castellini) con un megafono in mano a una manifestazione» ha puntualizzato Berizzi.

LEGGI ANCHE: Arresto cardiaco in strada a Verona: rianimato con il 118 al telefono

Berizzi e Verona

Oltre al libro “È gradita la camicia nera”, il cui sottotitolo è “Verona, la città laboratorio dell’estrema destra tra l’Italia e l’Europa” (edito da Rizzoli nel 2021), il giornalista Berizzi si è occupato più volte della città scaligera. Nel 2022 commentò lo striscione appeso da CasaPound a Porta Nuova e il festival di Fortezza Europa, mentre nel 2020 fu al centro di una polemica per un commento fuori luogo in seguito al violento nubifragio del 23 agosto.

LEGGI ANCHE: Parte lo sviluppo della Marangona: a breve l’accordo