Sorpreso mentre rubava in auto: arrestato 29enne

Arrestato per furto aggravato un tunisino di 29 anni sorpreso dalla polizia a rubare all’interno di alcune macchine posteggiate in Piazza San Tomaso. L’uomo, che aveva compiuto un furto qualche giorno fa in un locale, è stato colpito dalla custodia cautelare in carcere e l’udienza rinviata al 15 ottobre.

La scorsa notte, intorno alle 3, un ventinovenne pluripregiudicato di origine tunisina, è stato arrestato dagli agenti delle Volanti della Questura di Verona con l’accusa di furto aggravato.

L’arresto è stato effettuato in Piazza San Tomaso dove i poliziotti, impegnati nell’ordinario servizio notturno di controllo del territorio, hanno intercettato lo straniero, già noto alle forze dell’ordine, accovacciato accanto ad un veicolo parcheggiato, con la luce interna accesa, l’allarme antifurto in funzione e il deflettore posteriore infranto.

Insospettiti dalla circostanza, gli agenti hanno effettuato un controllo e, una volta scesi dall’auto di servizio, hanno visto il tunisino allontanarsi rapidamente in direzione di Stradone San Tomaso. Vistosi seguito, l’uomo, dopo aver gettato a terra un sacchetto di carta bianco che teneva in mano, si è dato alla fuga venendo poi bloccato dagli agenti.

Sottoposto a perquisizione personale, l’uomo è stato trovato in possesso di due orologi da taschino in argento, di un porta documenti di Louis Vuitton e di altro materiale sottratto, poco prima, all’interno di altre auto parcheggiate nella via. I controlli effettuati hanno infatti accertato la presenza di ulteriori tre veicoli danneggiati e dal cui interno erano stati sottratti oggetti poi ritrovati sia nelle tasche del fermato che dentro la busta recuperata dagli agenti a bordo strada.

Arrestato, il tunisino è stato accompagnato presso gli Uffici della Questura dove è emerso che il 29enne era già destinatario dell’obbligo di dimora nel Comune di Verona per un furto commesso in un panificio di via Cattaneo.

Stamane il giudice, dopo la convalida dell’arresto, ha disposto nei confronti dell’uomo la custodia cautelare in carcere e rinviato l’udienza al prossimo 15 ottobre.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.