Sona affida ai giovani la riqualificazione della sua piazza

La futura piazza di Sona e i giardini della Torre Scaligera campanaria di Palazzolo saranno ridisegnati da studenti under-35 di architettura e paesaggistica.

Piazza di Sona
Piazza di Sona

Saranno gli studenti under-35 delle Facoltà di Architettura, Design, Ingegneria, Paesaggio e Urbanistica a ridisegnare la futura Piazza di Sona, per restituirle il ruolo di cuore pulsante della comunità, e i giardini della Torre Scaligera campanaria di Palazzolo.

Questi due siti da riqualificare sono stati individuati dal Comune di Sona per le due categorie in gara, Urban design e Landscape, del concorso internazionale di idee “Colline Moreniche Verona_Morainic Identity Regeneration Competitions”, realizzato dal Polo territoriale di Mantova del Politecnico di Milano e inserito nella progettualità del Distretto del Commercio di Sona, Sommacampagna e Castelnuovo in partenariato con il Comune di Valeggio.

I giovani professionisti, interessati a cimentarsi nella valorizzazione e restituzione a nuova vita di due elementi simbolo dell’identità sonese, potranno iscriversi fino al 28 agosto e consegnare gli elaborati entro il 24 settembre 2021, accedendo al sito www.mirc.polimi.it.

«La formula del concorso è particolarmente interessante, perché permette ad amministratori e commercianti di interagire con gli studenti universitari, fornendo stimoli e indicazioni reali per orientare in senso pratico le attività di progetto, ma lasciando, contemporaneamente, piena libertà di interpretazione — spiega la Vicesindaca e Assessora a Commercio, Turismo e Marketing del Comune di Sona, Elena Catalano —. Una rete di memorie, esperienze e competenze differenti che dialoga, grazie al ruolo del Distretto del Commercio, per costruire progetti realistici in risposta a problemi concreti e criticità rilevate dall’Amministrazione e dalla Comunità»

Alla Piazza di Sona, dunque, l’Amministrazione desidera attribuire nuovamente quella polarità e vitalità, limitata dall’attuale conformazione votata al parcheggio più che alla socialità e dalla necessità di interventi manutentivi all’accesso al parco di Villa Trevisani. Tra i gli obiettivi principali c’è quello di ripensare alla piazza come ad uno spazio il più possibile libero da arredi e oggetti fissi e attrezzabile per accogliere attività e funzioni diverse, che si alternano, integrano e susseguono nel corso della giornata, della settimana e dell’anno.

La Torre Scaligera di Palazzolo è stata il punto trigonometrico utilizzato per costruire la mappa del territorio circostante e formare la Carta d’Italia terminata nel 1902. Essendo, dunque, in una posizione strategica e privilegiata per osservare ancora oggi la vallata dell’Adige, la Torre è un luogo apprezzato da turisti e cicloturisti, che meritano di sostare in giardini curati ed esaltati da «un progetto che ne sottolinei l’invidiabile bellezza e la percorribilità lenta, dove la sfida da vincere è rigenerare un luogo senza perdere l’identità storica e paesaggistica delle colline moreniche – conclude Elena Catalano -, puntando con decisione su un turismo sostenibile, che possa riscoprire anche le attività commerciali del borgo di Palazzolo».

Torre Scaligera
Torre Scaligera

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO ULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM