Sommacampagna comune cardioprotetto: proseguono i corsi di primo soccorso

Il Comune di Sommacampagna da diversi anni promuove corsi e aggiornamenti di primo soccorso, arrivando col tempo a formare circa 125 persone e a posizionare 14 defibrillatori sparsi per il territorio.

Gli Europei di calcio ci hanno recentemente dato dimostrazione dell’importanza vitale che può avere un massaggio cardiaco realizzato in modo corretto e tempestivo, così come la presenza di un defibrillatore con personale addestrato in occasione di un improvviso arresto cardiaco.

Nel Comune di Sommacampagna, da sempre sensibile all’argomento, è ripreso proprio in questi giorni il corso di primo soccorso e di utilizzo del defibrillatore all’interno del progetto “Il Cuore Amico dell’ULSS 9“, parte integrante della convenzione tra il Comune e l’ULSS 9 Scaligera. Sabato 5 giugno, presso la palestra degli impianti sportivi di Caselle, erano in 16 a partecipare al corso BLSD.

Non è di certo una novità per il Comune di Sommacampagna, che ha iniziato diversi anni fa a promuovere la cultura del primo soccorso formando, tra corsi e aggiornamenti a cadenza biennale, circa 125 persone. Grazie all’impegno degli uffici comunali, di svariati enti, gruppi e volontari è stata possibile un’installazione capillare di 14 defibrillatori sul territorio, che oggi si trovano in tutte le scuole primarie e secondarie, negli impianti sportivi sia di Sommacampagna che di Caselle, nei pressi della Farmacia Comunale, del dispensario di Custoza e della Baita degli Alpini di Sommacampagna.

I corsi continueranno per tutto l’anno con l’obiettivo di formare una rete territoriale di pronto intervento in grado di eseguire il massaggio cardiaco e la defibrillazione precoce con defibrillatore semiautomatico (DAE).

LEGGI LE ULTIME NEWS

«Disporre di un defibrillatore e conoscere le manovre di primo soccorso è una scelta di prevenzione in tutti gli ambiti della nostra vita e, sicuramente, tra i luoghi a cui abbiamo voluto dare priorità ci sono scuole e campi sportivi. – dichiara il Sindaco Fabrizio Bertolaso – Il 70% dei casi di arresto cardiaco avviene infatti davanti ad altre persone che potrebbero iniziare le manovre di soccorso ma soltanto nel 15% dei casi questo avviene. Sappiamo che i primi 10 minuti vengono considerati determinanti al fine di un soccorso efficace, perciò puntiamo a migliorare questi numeri formando quanti più cittadini possibile all’utilizzo dei defibrillatori semiautomatici».

«Oltre ai corsi di formazione per i membri delle Associazioni sportive aderenti, della Protezione Civile e della Polizia Locale, la convenzione prevede anche la manutenzione dei defibrillatori. – spiega il Consigliere Maurizio Cassano – Data la rilevanza sociale del tema, un ringraziamento particolare a Macaccaro Gianfranco, Presidente dell’ASD Polisportiva Caselle Settore Pallavolo, per il prezioso lavoro di coordinamento che sta svolgendo per la riuscita dell’iniziativa».

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM