Silos di Levante, via al progetto di restauro

Appartiene al complesso dell’ex caserma di Santa Marta e in parte sarà utilizzato dall’università come struttura per le attività didattiche. I lavori sono stati presentati oggi e potrebbero partire a gennaio 2020

Università e Comune hanno siglato un nuovo accordo. Si tratta del progetto di riqualificazione dell’edificio “Silos di levante”, all’interno del complesso militare austriaco di Santa Marta. Un’opera di restauro di una struttura ottocentesca che acquista valore per i 22 silos cementizi presenti all’interno del sito, che saranno i protagonisti di un’esposizione permanente.

Un intervento che si inserisce all’interno del “bando di recupero delle periferie”, lanciato dall’amministrazione Tosi, e che prevede il co-finanziamento del comune al 50% con fondi pubblici. Il costo complessivo dei lavori, che si crede partiranno a gennaio 2020, si aggira sui 3’875’000 euro.

Una struttura che assomiglia molto a quella già utilizzata dall’Università, che è il Silos di Ponente, ma che ha una valenza storica molto importante, proprio per la presenza dei silos.