Sicurezza stradale, 15 milioni di contributi della Regione ai comuni

strade sicurezza stradale
New call-to-action

Approvata la graduatoria del bando regionale per il finanziamento di interventi a favore di mobilità e sicurezza stradale. I 15 milioni di euro stanziati dalla Regione copriranno parte degli investimenti dei comuni per un totale di 38 milioni.

Su proposta dell’assessore alle infrastrutture e trasporti, Elisa De Berti, la Giunta regionale del Veneto ha approvato oggi la graduatoria del bando per il finanziamento di interventi a favore della mobilità e della sicurezza stradale. Sulle 263 domande presentate dai Comuni e ritenute ammissibili, con i 15 milioni di euro previsti per il 2018, la Regione cofinanzierà 73 interventi. La graduatoria resterà però valida per un biennio, così sulla base delle risorse che si renderanno in futuro disponibili si procederà con un ulteriore scorrimento.

“Con l’approvazione di questa graduatoria – spiega l’assessore De Berti – diamo avvio alla realizzazione sul territorio veneto di 28 nuove rotatorie, di 25 percorsi pedonali e piste ciclabili e di 20 opere di messa in sicurezza e riqualificazione stradale. I 15 milioni di cofinanziamento regionale produrranno un volano economico complessivo di ben 38 milioni di euro di opere”.

“Pur in presenza di una contrazione delle risorse pubbliche – sottolinea De Berti –, anche quest’anno siamo riusciti a destinare una buona quota di bilancio alla sicurezza stradale, trattandosi di una delle priorità della Regione del Veneto”.

Per quanto riguarda la provincia di Verona, sono nove i comuni che hanno passato la selezione della Regione.

Quattro di questi riguardano percorsi ciclopedonali o marciapiedi. Il comune di Caldiero riceverà un contributo di 121mila euro, a fronte di un impegno di 420mila, per la realizzazione di un percorso ciclabile fra il capoluogo e Caldierino. Anche a Sanguinetto il contributo regionale, di 300mila euro, è destinato a percorsi ciclabili, nella fattispecie per il secondo stralcio del collegamento fra gli impianti sportivi di Venera e Sanguinetto. Il comune di Brentino Belluno riceverà invece 147 mila euro per un percorso ciclopedonale protetto nella frazione di Rivalta. Per Sant’Ambrogio di Valpolicella invece pronti 135mila euro per un percorso pedonale lungo la Strada Provinciale 4 all’interno del centro abitato.

Tre dei contributi sono invece relativi alla riqualificazione delle strutture viarie. Al Comune di Grezzana sono stati assegnati 260mila euro per la messa in sicurezza della tratta fra il capoluogo e Stallavena, con la realizzazione di un percorso ciclopedonale. 160mila euro andranno invece ad Albaredo d’Adige e 128mila a Roverè Veronese per l’ammodernamento delle strade comunali.

Contributi infine anche a Lazise (182mila) e Cerea (78mila) per la realizzazione di una rotatoria.

L’assessore ricorda, inoltre, che con i precedenti bandi del 2016 sono stati cofinanziati, grazie a 18 milioni di euro di contributi regionali e a uno statale, 135 interventi proposti dalle Amministrazioni comunali venete, per un valore complessivo di circa 41 milioni di euro di opere.

Nella formazione della graduatoria sono stati considerati prioritari gli interventi per risolvere situazioni di criticità in corrispondenza di intersezioni a raso, l’adozione di tecniche di moderazione del traffico, le opere di viabilità alternativa agli attraversamenti dei centri urbani, l’attivazione di segnaletica a messaggio variabile e per l’informazione all’utenza, la realizzazione di percorsi pedonali protetti in ambito urbano ed extraurbano. Tra i criteri adottati nell’attribuzione del punteggio, il principale è stato quello dell’incidentalità delle strade.