Settimana della Finanza, Alberti: «Il volano dell’economia è lento, ma siamo ottimisti»

Il sindaco di Grezzana, Arturo Alberti, è intervenuto stamattina ai microfoni di Radio Adige Tv per parlare dello stato di salute dell'industria veronese e, in particolare, del settore manifatturiero, che sarà il tema centrale del terzo appuntamento di stasera con la Settimana Veronese della Finanza.

In occasione del terzo appuntamento della 15^ edizione della Settimana Veronese della Finanza, che si terrà stasera alle 18 in diretta su Radio Adige TV 640, in streaming su www.radioadige.com e sui canali social del Gruppo Verona Network, abbiamo parlato con il sindaco di Grezzana e imprenditore del settore lapideo, Arturo Alberti.

I mesi di emergenza sanitaria «li abbiamo vissuti in parallelo: quando ci sono stati i picchi di difficoltà, abbiamo avuto difficoltà anche noi. Logico che il volano dell’economia è più lento rispetto a quello dell’epidemia e abbiamo avuto dei crolli. – ha detto Alberti – Anche perchè questo “apri e chiudi”, differito rispetto alle altre nazioni che sono mercati di sbocco, hanno portato a una serie di problematiche di continuità delle commesse».

«Verona ha la fortuna di avere settori merceologici molto diversi: il manifatturiero è importante perchè dà lavoro a tante famiglie. In questo settore Verona ha sempre avuto tendenza a fare innovazione, ricerca, per essere protagonisti del mercato mondiale. L’augurio per il futuro è che questa pandemia si possa limitare e ci possa dare l’occasione di tornare nei mercati internazionali e dare margini che ci consentono di fare innovazione e ricerca per essere competitivi. Attualmente siamo la seconda potenza manifatturiera dopo la Germania».

Sull’ultimo Dpcm, che dovrebbe uscire tra poche ore: «L’unico dispiacere ora è che il Natale è stata sempre una festa particolare e quest’anno si limita sia la possibilità di incontrarci con le famiglie che con gli amici nei ristoranti. Il mio pensiero va a quelle attività e all’indotto della ristorazione e dell’accoglienza: sarà un Natale un po’ sottotono, ma magari “sopratono” per quelli che sono i veri valori che potranno essere sviluppati meglio in famiglia» ha spiegato Alberti.

Leggi anche: Settimana della Finanza, Ferrari: «Importante che le aziende ripartano»