Servizio Civile, da quest’anno a Verona si può svolgere anche al Banco Alimentare

Da quest’anno il Banco Alimentare del Veneto accoglierà, accanto alle centinaia di volontari attualmente operativi, anche ragazzi che vogliano fare un’esperienza importante come il Servizio Civile Universale.

Adele Biondani Servizio Civile Universale Banco Alimentare
Adele Biondani

Un’esperienza unica di crescita personale e di condivisione che rappresenta anche una porta aperta sul mondo del lavoro. È il Servizio Civile Universale (Scu), aperto a ragazzi italiani e di altri paesi dai 18 ai 28 anni di età. Se poi lo si svolge in un Ente che ti mette a contatto con le più significative realtà sociali e le aziende del territorio veronese, ti spalanca ancor più sul futuro.

Da quest’anno infatti il Banco Alimentare del Veneto accoglierà, accanto alle centinaia di volontari attualmente operativi, anche ragazzi che vogliano fare un’esperienza importante come il Servizio Civile Universale.

Leggi anche: Servizio Civile, cercasi 26 volontari per il Comune di Verona

«Il Banco Alimentare è un’opera a servizio di coloro che giorno dopo giorno sostengono i cittadini più in difficoltà – spiega Adele Biondani, presidente del Banco Alimentare del Veneto – ed è quindi un servizio volto a ridurre le diseguaglianze sociali e a sostenere la rete di sussidiarietà di cui è ricca la nostra Regione. In questo senso svolgere il Servizio civile al Banco Alimentare del Veneto è un contesto ideale per vivere un’esperienza significativa accanto a centinaia di altri volontari, sia del Banco Alimentare stesso, sia degli oltre 400 enti per i quali operiamo, acquisendo peraltro competenze personali e professionali spendibili da subito e utilissime per il proprio futuro».

Gli operatori volontari del Servizio Civile (questa la qualifica esatta dei ragazzi coinvolti) opereranno continuativamente per un anno con un orario medio di 25 ore settimanali e un assegno mensile fissato a livello nazionale di circa 445 euro. A loro saranno offerti una formazione di oltre 80 ore sia generale sia relativa all’Attività del Banco Alimentare, il riconoscimento dei crediti formativi e delle competenze acquisite, così come il riconoscimento del servizio ai fini del trattamento previdenziale. L’esperienza del Servizio Civile Universale è valutata nei concorsi pubblici con le stesse modalità e lo stesso valore del servizio prestato presso la Pubblica Amministrazione, può valere come titolo di preferenza (riscattabile) e prevede 20 giorni di permesso ordinario per 12 mesi, più altri straordinari, ad esempio per gli esami universitari o il servizio in seggio elettorale.

LEGGI LE ULTIME NEWS

«I volontari che svolgeranno il servizio al Banco Alimentare del Veneto – spiega il direttore dell’associazione, Massimiliano Mocellin – potranno operare nei magazzini oppure negli uffici, sempre affiancati a figure professionali. Nel primo caso supporteranno il personale dipendente nelle attività di gestione imparando varie competenze, tra le quali la ricezione ed emissione delle bolle di carico e scarico, il controllo della qualità, la gestione e distribuzione dei generi alimentari alle strutture caritative convenzionate, la gestione della documentazione. I volontari invece che opereranno negli uffici impareranno a gestire attività in campo contabile con applicativo SAP, controllo di gestione e produzione di report, gestione delle risorse umane e delle richieste di contributo, domande agli enti pubblici e altro. Sono tutte competenze che si ritroveranno in mano a fine servizio, qualunque sia la strada che prenderanno».

Un’occasione da non lasciarsi sfuggire, quindi. Per saperne di più, la mail è direttore@veneto.bancoalimentare.it, il telefono 334 6237079.

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI
PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM