Serit a Montecchia per la pulizia dopo il nubifragio

Il programma dei lavori ha visto già domenica mattina l’apertura straordinaria dell’isola ecologica e una prima pulizia nelle strade. Nei prossimi giorni previsto un ulteriore e più accurato intervento di pulizia.

serit Massimo Mariotti, Attlio Dal Cero, Domenico e Davide Vicentini

Immediato l’intervento di Serit, società preposta alla raccolta dei rifiuti a Montecchia di Crosara, in seguito alla tromba d’aria che sabato scorso ha provocato danni ingenti nel Comune dell’Est veronese.

Il programma dei lavori, predisposto dal direttore di Serit Maurizio Alfeo e da quello del Consiglio di Bacino Verona Nord Thomas Pandian, ha visto già domenica mattina l’apertura straordinaria dell’isola ecologica proprio per ricevere il primo materiale raccolto dai due camion della ditta Cavazzola e Vicentini, in particolare detriti, alberi, rifiuti ingombranti e materiale vario che a causa del forte vento è stato trasportato su tutto il territorio.

Inizialmente sono stati conferiti una decina di camion di ramaglie, un autotreno di materiale ferroso e poi, anche grazie all’aiuto della protezione civile e dei volontari, altro materiale a cura dei privati utilizzando trattori e camioncini poi smistato all’interno dell’isola ecologica che per fortuna non ha subito alcun danno. Nella giornata di lunedì è stata nuovamente aperta l’isola ecologica per consentire un ulteriore conferimento del materiale ammucchiato in varie zone del Comune anche da parte degli stessi cittadini. Lunedì è stato poi effettuata una prima pulizia straordinaria delle strade a cui ne seguirà in settimana una più accurata, compresa quella dei marciapiedi, in maniera che già da giovedì la situazione rientrerà nella normalità.

Martedì mattina il presidente di Serit Massimo Mariotti, accompagnato dal sindaco Attilio Dal Cero oltre che da Domenico e Davide Vicentini, ha effettuato un sopralluogo nei punti più colpiti: «Ora il lavoro si concentrerà nelle scuole e in quello che rimane del palazzetto dello sport poiché esternamente è già stato effettuato un primo intervento, ora ci occuperemo dell’interno con il coordinamento dei Vigili del Fuoco – ha spiegato Mariotti. – Come purtroppo sappiamo del palazzetto è rimasta solo la struttura mentre  le lamiere sono volate a ridosso soprattutto delle scuole, per cui entro qualche giorno entreremo in azione».

Il sindaco Attilio Dal Cero ha precisato che «domenica nell’isola ecologica abbiamo tolto dei cassoni per far spazio alla macerie raccolte in emergenza. Di questo ringrazio Serit e la ditta Cavazzola e Vicentini perché sono sempre a disposizione, giorno e notte così come i numerosi volontari ed i giovani che si sono rimboccati le manche. Abbiamo poi trasportato il verde, in buona parte sezionato dalla Protezione Civile e dai Vigili del Fuoco, nel piazzale del mercato cerasicolo. Il lavoro proseguirà poiché non siamo ancora a metà dell’opera. Se i Vigili del Fuoco hanno infatti già effettuato qualcosa come 400 interventi, Serit ne dovrà fare altrettanti per raccogliere il verde ma specialmente altre macerie, tegole, legno e le  lamiere del palazzetto».