Sequestrati due coralli all’aeroporto Catullo, multe da 5mila euro

Sequestrati all'aeroporto Catullo di Verona-Villafranca due coralli, in due distinte operazioni. Erano nei bagagli di passeggeri italiani di rientro dall’Egitto e dalle Maldive, senza necessaria documentazione.

Coralli Catullo

Al Catullo sequestrati due coralli arrivati da Egitto e Maldive

Coralli Catullo

Nell’ambito delle attività di contrasto ai traffici illeciti, i funzionari dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli (ADM) di Verona, in servizio all’aeroporto “Valerio Catullo”, in collaborazione con i militari della Guardia di Finanza del Gruppo Villafranca di Verona, hanno scoperto e sequestrato in due distinte operazioni dei coralli trasportati nei bagagli di passeggeri italiani di rientro rispettivamente dall’Egitto e dalle Maldive.

LEGGI LE ULTIME NEWS

I coralli rinvenuti, il primo di circa 720 grammi – appartenente all’ordine Scleratinia/Acropora SPP” – e il secondo di circa 2,8 kilogrammi – appartenente all’ordine Scleratinia/Pocillopora SPP” –  rientrano tra le specie tutelate dalla Convenzione di Washington (C.I.T.E.S. – Convention on International Trade in Endangered Species) e risultavano sprovvisti della necessaria documentazione CITES per l’importazione.

Ai trasgressori è stata comminata la sanzione di 5mila euro per aver violato il disposto di cui all’art. 2, comma 3, della legge 150/92 e successive modifiche e integrazioni.

LEGGI ANCHE: Tommasi: «Tocca a noi ora amministrare coi fatti»

visita istituzionale ufficio dogane

Oggi incontro istituzionale negli uffici delle dogane

Si sono recati oggi in visita negli uffici delle Dogane di Verona, il Senatore Adolfo Urso, Presidente del Copasir, il Sindaco di Verona Federico Sboarina, il Presidente del Consorzio ZAI Matteo Gasparato, il Vice Presidente di Verona Fiere Matteo Gelmetti, l’Onorevole Ciro Maschio e il Consigliere Regionale Daniele Polato.

Durante il colloquio di carattere istituzionale, svoltosi alla presenza del Direttore Territoriale ADM Veneto e Friuli Venezia Giulia Davide Bellosi, il Direttore dell’Ufficio delle Dogane di Verona, Carlo Cosentino, ha illustrato le attività di sdoganamento di competenza dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli (ADM) relative alle merci destinate ai territori di frontiera della guerra, a supporto degli importanti corridoi umanitari verso l’Ucraina, attivati dal Comune di Verona e gestiti dall’Interporto Quadrante Europa-Consorzio ZAI.

«La Dogana di Verona ha un ruolo strategico, oggi più che mai» ha detto Sboarina. «Vista la presenza del senatore Urso, ho chiesto si faccia squadra per ottenere un regime fiscale speciale per i prodotti che vengono donati. Ci troviamo di fronte ad aziende che ci mandano medicinali, alimentari, abbigliamento sottoposti comunque a iva. Un costo che dovrebbe essere contenuto visto lo scopo sociale. Speriamo che il Governo intervenga quanto prima dando un segnale importante, sarebbe un precedente per tutte le eventuali situazioni emergenziali. Un supporto dello Stato alla generosità di tanti imprenditori».

«Abbiamo potuto apprezzare il costante lavoro di ADM – ha aggiunto Urso –, e la consolidata macchina amministrativa e organizzativa che permette di fronteggiare con efficienza le situazioni emergenziali che si stanno susseguendo negli ultimi anni».

LEGGI ANCHE: Damiano Tommasi è il sindaco di Verona

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?👉 È GRATUITO!👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv