Sequestrate 1600 auto in tutta Europa. Coinvolte nell’operazione Venezia e Verona

auto sequestrate

Le auto erano usate per rapine e furti, intestate a sei prestanome. Arresti ordinati dai gip di Venezia e Verona.

I Carabinieri di Venezia hanno sequestrato tra l’Italia e altri nove paesi dell’Ue 1600 autovetture, per un valore complessivo di 13 milioni di euro, intestate a sei prestanome di nazionalità romena e usate per compiere furti, rapine e altre attività illecite in tutta Europa.

Il blitz è compiuto anche in Romania, Spagna, Germania, Francia, Bulgaria, Austria, Svizzera, Ungheria e Polonia con il supporto della polizia dei rispettivi stati coinvolti. Il sequestro delle auto costituisce la prosecuzione di un’attività investigativa nei confronti di un gruppo criminale composto da oltre 40 soggetti appartenenti a minoranza rom romena, che ha consentito all’Arma di dare esecuzione a 10 ordinanze di custodia cautelare (otto in carcere, di cui una minore, una agli arresti domiciliari, un divieto di dimora), emesse dai gip di Venezia e Verona, nonché del Tribunale per i minorenni di Venezia. (Ansa)

«Grazie ai Carabinieri per questa importantissima operazione, che ha smantellato una banda dedita a furti e rapine, soprattutto a danno di anziani. Complimenti alle Forze dell’Ordine e agli inquirenti per il lavoro fatto e per la grande collaborazione con le forze di polizia degli altri Paesi». Lo scrive su Facebook il Ministro per la Famiglia e le Disabilità, Lorenzo Fontana, commentando l’operazione del Comando provinciale dei Carabinieri di Venezia.