Scuole, sbloccati 4 milioni per gli interventi

I lavori di messa in sicurezza, risistemazione di tetti ed altre opere urgenti cominceranno con il 2018, e proseguiranno durante tutta l’estate prossima.

3 milioni e 850 mila euro, questo l’ammontare dell’importo che deriva dal decreto “Sblocca scuole 2017”, approvato a fine luglio dal Consiglio comunale. È il primo finanziamento dell’anno destinato agli interventi di edilizia scolastica previsti nel programma delle opere pubbliche 2017/2019.

Un provvedimento che dà la possibilità di mettere mano a quegli istituti scolastici che presentano le maggiori criticità; si parla quindi di interventi ai tetti, bonifica da materiali contenenti amianto e altre opere urgenti.

“Non sono soldi arrivati dallo Stato, sono soldi che erano dell’amministrazione e che sono stati sbloccati e quindi usciti dal Patto di Stabilità. Ci hanno solo permesso di spenderli, in una emergenza che è evidente”, ha commentato l’assessore al Bilancio Francesca Toffali.

Opere che vedranno il loro inizio tra le vacanze di Natale e i primi mesi del 2018, per quanto riguarda i piccoli interventi; per le opere più complesse, invece, bisognerà attendere la fine dell’anno scolastico e l’inizio delle vacanze estive, così per non compromettere il naturale svolgersi delle lezioni. E non è tutto. “Ci vorrebbe anche un decreto salva strade”, incalza l’assessore ai Lavori Pubblici e Infrastrutture Luca Zanotto.

“Quello che siamo riusciti a fare, grazie ad un provvedimento del governo, lo riusciamo a fare nelle scuole. Per quanto riguarda le altre criticità, per esempio le strade, lo riusciamo a fare solo con finanziamenti propri, con fondi limitati. Potremmo avere più risorse se ci fossero anche decreti come lo sblocca strade, sblocca segnaletica, o altre importanti per la sicurezza dei cittadini”, spiega l’assessore ai Lavori Pubblici e Infrastrutture Luca Zanotto.

Guarda il servizio di Tv7 Verona Network