Scuole alle Stimate vincono la Nao Challenge 2022

Un progetto che unisce arte e scienza, trasformando il robot Neo in una guida delle opere della mostra "Il mio Inferno: Dante poeta di speranza".

I vincitori della Nao Challenge 2022
Gli studenti "Alle Stimate" di Verona, vincitori della Nao Challenge 2022.
New call-to-action

Il team NaoNexus della scuola “Alle Stimate” di Verona si è classificato 1° a livello nazionale nella Nao Challenge 2022. Una sfida che ha messo alla prova la capacità di programmazione e sviluppo degli studenti degli istituti superiori di secondo grado attraverso l’acquisizione di competenze tecniche e capacità di problem solving. Questa mattina nella scuola “Alle Stimmate di Verona” gli studenti più meritevoli, tra cui il team NaoNexus, hanno incontrato il preside Umberto Fasol che si è congratulato con loro per essersi distinti durante l’anno scolastico.

LEGGI ANCHE: Verona attende il sorriso di Papa Francesco

Particolare attenzione è stata dunque data ai vincitori della Nao Challenge 2022: Albertini Francesco, Antonelli Riccardo, Bernardi Francesco, Cosentino Ester, D’Iseppi Elisa, Masini Davide, Rubini Alberto, Veronesi Anna e Viani Emanuele. I ragazzi sono stati coordinati in questa esperienza dal professore Giovanni Bellorio.

Il team NaoNexus ha partecipato nel mese di aprile nella fase preliminare della challenge nel territorio veronese, mentre per la finale nazionale del 31 maggio si è spostato a Genova.

Robot Nao Challenge
Il robot della Nao Challenge degli studenti delle scuole “Alle Stimate” di Verona.

La sfida posta alle squadre durante la finale riguardava la progettazione improvvisata di soluzioni per utilizzare il robot umanoide Nao per la promozione e la valorizzazione dei beni culturali. Attraverso la programmazione e lo sviluppo di un sistema meccatronico, i team hanno realizzato scenari con cui ottimizzare le capacità del robot.

Per la fase preliminare l’Associazione Rivela e il team NaoNexus hanno collaborato per dar vita ad un interessante progetto legato al territorio. I 7 ragazzi del team hanno lavorato insieme per mesi, trasformando Nao in una vera e propria guida che si è destreggiata nell’esporre le opere della mostra Il mio Inferno: Dante poeta di speranza e nel guidare i visitatori. Questo progetto ha permesso a Nao di fondere arte e scienza in una maniera unica e nuova, rivoluzionando l’esperienza culturale offerta.

LEGGI ANCHE: Arresto cardiaco in strada a Verona: rianimato con il 118 al telefono

Il punteggio finale, che ha determinato la vittoria degli studenti della scuola veronese, ha tenuto conto per il 70% del progetto preliminare legato al territorio e per il 30% della fase finale.

La Nao Challenge e stata organizzata dalla Scuola di Robotica, in collaborazione con SoftBank Robotics e CampuStore. La competizione, di grande spessore tecnico e culturale, è entrata nell’azione per la Valorizzazione delle Eccellenze del MIUR.

LEGGI LE ULTIME NEWS