Scuola, secondo il Cts si può tornare in classe

Il Comitato tecnico scientifico ha dato parere positivo sul ritorno a scuola in presenza fra 50% e 75%, come previsto dal Dpcm del 14 gennaio. In Veneto invece rientro rimandato all'1 febbraio.

Scuola

Secondo quanto riporta l’Ansa, il Comitato tecnico scientifico ha dato parere positivo sul ritorno a scuola in presenza fra 50% e 75%, come previsto dal Dpcm del 14 gennaio.

«Gli esperti del Cts più volte negli ultimi mesi hanno indicato la questione scuola come una “priorità” e in diverse occasioni hanno ribadito la necessità del ritorno in classe degli studenti» si ricorda nell’articolo.

Il ministro della Salute Roberto Speranza, secondo quanto si apprende, avrebbe convocato i tecnici per avere un parere sul ritorno in classe degli studenti delle scuole superiori (al 50%) e su un eventuale rinvio della didattica in presenza.

GUARDA L’INTERVISTA: Rete studenti Medi di Verona, Velotta: «Investire nel futuro del Paese»

Cosa dice il Dpcm del 14 gennaio 2021

Dal 18 gennaio le scuole secondarie di secondo grado svolgeranno l’attività didattica in presenza dal 50% al 75%, fatte salve le diverse disposizioni individuate da singole Regioni.

La rimanente parte dell’attività si svolgerà a distanza. Resta garantita la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o per garantire l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità o con bisogni educativi speciali

La situazione in Veneto

Intanto in Veneto dopo le vacanze sono circa 200 le classi scolastiche, fra elementari e medie, sottoposte a quarantena per la positività di uno o più studenti. Secondo il Corriere del Veneto sono circa 4mila gli studenti a casa.

Venerdì il presidente della Regione Veneto Luca Zaia aveva detto: «Se tutto andrà bene e i dati ce lo consentiranno, le scuole superiori riprenderanno le lezioni in presenza dal 1 febbraio. Ho sempre detto che chiudere le aule sia stata una sconfitta, ma abbiamo dato priorità al tema sanitario. Non accetto le critiche sui trasporti: non le abbiamo tenute chiuse per quello, perché il piano era già pronto da tempo».

LEGGI LE ULTIME NEWS