Scuola in sciopero, Donazzan: «Messaggio diseducativo»

L'assessore regionale all'Istruzione, Elena Donazzan, si è detta contrariata rispetto allo sciopero indetto dai sindacati scolastici per l'8 giugno: «Non capisco come si possa giustificare la non riapertura delle scuole».

IMAGOECONOMICA

«Mi sarei aspettata un sindacato che volesse tornare a scuola, che battesse i pugni per denunciare che per questo governo la scuola è stato l’ultimo dei suoi pensieri. Scioperare è il messaggio più diseducativo che si potesse dare in questo frangente, e non ci sono giustificazioni». Questo è il commento dell’Assessore Regionale all’Istruzione del Veneto Elena Donazzan alla notizia dello sciopero generale della scuola proclamato per il prossimo 8 giugno.

«Visti i dati si poteva prospettare con tranquillità un rientro a scuola nel mese di giugno per gli studenti degli ultimi anni di tutte le scuole di ogni ordine e grado – continua Donazzan – si sarebbero così aiutate le famiglie nell’accudimento dei propri figli, anche economicamente visto che la scuola è già pagata: un rientro che avrebbe favorito l’organizzazione dei centri estivi, ma soprattutto che avrebbe permesso ai nostri ragazzi di terza media e quinta superiore e ai nostri bambini di quinta elementare di recuperare un po’ di lacune ed una relazione umana con i propri docenti e compagni di classe».

«Non accetto si strumentalizzi il tema della sicurezza: tutte le attività economiche sono ripartite, alcune non sono mai state chiuse, e non capisco come si possa giustificare quindi la non riapertura delle scuole» conclude l’Assessore regionale del Veneto.