Scuola, ieri sera il flash mob statico in piazza dei Signori

La manifestazione voleva dare voce a bambini, ragazzi e famiglie che ancora sono in attesa di risposte fondamentali per la ripresa dell’anno scolastico a settembre.

Genitori, studenti e insegnanti. C’erano tutti ieri sera, alle 18.30, in piazza dei Signori per il Flash Mob statico organizzato dai tre Movimenti di Opinione cittadini “E la scuola no?”, “Ridateci la Scuola” e “Per chi guarda lontano”. Leitmotiv della manifestazione, che si è svolta nel rispetto delle norme di sicurezza, la richiesta di riaprire le scuole, senza troppi compromessi, a partire dal 1° settembre.

Da evitare, invece, secondo i tre gruppi, la riduzione della giornata scolastica, la riduzione dei posti disponibili in classe e l’uso della didattica a distanza.

Nel frattempo, il Comune di Verona, ha accolto la richiesta di aprire un tavolo tecnico, per la riapertura delle scuole, il prossimo 30 giugno. Presenti, oltre ai rappresentanti dei tre movimenti d’opinione, i rappresentanti di Comune e Provincia, Dirigenti e Provveditorato.

Nel pomeriggio di ieri, invece, il Consiglio Comunale di Palazzo Barbieri ha approvato all’unanimità la mozione depositata da “Ridateci la scuola” lo scorso 29 maggio. La mozione impegna ora Sindaco e Giunta a fare tutto ciò che è nelle proprie competenze affinché venga data priorità alla tutela dei diritti dei minori, in tutte le loro espressioni e a fare in modo che, anche sulla base del principio di sussidiarietà, il Comune agevoli, anche attraverso la messa a disposizione di spazi comunali, la realizzazione di protocolli comuni  che permettano la riapertura in persenza e in sicurezza delle scuole della città di ogni ordine e grado,

«Siamo molto soddisfatte dell’evento di ieri che ha visto la partecipazione di circa 200 persone unite nel chiedere che le autorità centrali e territoriali diano priorità ai minori e al diritto all’istruzione. L’approvazione della mozione da parte del Consiglio Comunale di Verona all’unanimità è un primo grande risultato del nostro gruppo che ci motiva ancora di più a proseguire nel nostro percorso» afferma Rachele Peter, una delle fondatrici del movimento “Ridateci la scuola”.

«Molto è il lavoro da fare sul territorio per consentire la riapertura delle scuole e dei servizi all’infanzia in sicurezza e in presenza a settembre – prosegue l’altra fondatrice, Giulia Ferrari – l’approvazione della mozione è un inizio, è necessario ora passare ad una fase operativa e di programmazione, per questo riteniamo essenziale l’avvio del tavolo tecnico che, su nostra richiesta, il Comune ha organizzato con i diversi interlocutori del “mondo scuola” (Comune, Provincia, Provveditorato, Dirigenti scolastici e Uffici tecnici) e che ci vedrà partecipi all’avvio dei lavori previsto per il prossimo 30 giugno».

PRIMA PICCOLA GRANDE VITTORIA! Non potevamo ricevere migliore notizia il giorno prima del nostro flash mob: il Comune di…

Posted by Ridatecilascuola-vr on Wednesday, June 24, 2020