Scoperto a Zevio un laboratorio per la marijuana

Denunciato dai carabinieri un 35enne di Zevio, che nella sua abitazione aveva allestito una "mini fabbrica" per la coltivazione della marijuana.

carabinieri zevio marijuana

Denunciato dai carabinieri un 35enne di Zevio, che nella sua abitazione aveva allestito una “mini fabbrica” per la coltivazione della marijuana.

Alle prime ore della mattinata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Zevio, insieme a quelli del Nucleo Operativo della Compagnia di San Bonifacio e a un’unità del Nucleo Cinofili di Torreglia, hanno fatto irruzione nella sua casa.

L’uomo aveva attirato l’attenzione dei militari per degli strani movimenti notati nei pressi della sua dimora. E così, iniziati più intensi controlli e sorprese più persone in possesso di modiche quantità di sostanza stupefacente destinata all’uso personale, è scattato il blitz.

Il “fiuto” dei Carabinieri anche questa volta non ha ingannato: infatti sono stati ritrovati oltre 3mila euro in banconote di vario taglio e un apparato “Growbox” non in funzione, in grado di ospitare ben 25 vasi per coltivare piante di marijuana, nonché 1 grammo di sostanza stupefacente.

Probabilmente a causa della mancanza delle materie prime dettato dal momento emergenziale che stiamo vivendo, l’attività “imprenditoriale” non era in funzione.