San Bonifacio, arrestato 25enne per due rapine

L’uomo era già noto alle forze dell’ordine perché trovato in possesso di un coltello a serramanico senza motivo. Accusato di aver rapinato un uomo in stazione e una cassiera al supermercato.

Carabinieri San Bonifacio
Carabinieri San Bonifacio

Nelle prime ore del mattino di martedì 18 giugno i Carabinieri della Stazione di San Bonifacio e del Nucleo Operativo e Radiomobile, in esecuzione di una ordinanza applicativa della misura della custodia cautelare in carcere emessa dall’Autorità Giudiziaria scaligera, hanno arrestato un 25enne, originario del Brasile, residente a San Bonifacio, ritenuto responsabile di due rapine avvenute negli ultimi mesi nel comune dell’Est Veronese.

LEGGI ANCHE: Al Consorzio ZAI il Premio Verona Network 2024

Le rapine

Il primo fatto risale all’11 febbraio scorso, quando, verso le 22.30, nei pressi della stazione ferroviaria un uomo a volto scoperto ha raggiunto alle spalle e aggredito un 67enne al binario 1, in attesa di prendere il treno proveniente da Verona. Dopo averlo colpito con calci e pugni il malvivente ha sfilato il borsello a tracolla alla sua vittima e si è dato alla fuga.

Carabinieri San Bonifacio
Carabinieri alla stazione ferroviaria di San Bonifacio

Il 25 maggio scorso invece, presso il supermercato DPiù di San Bonifacio, un giovane sempre a volto scoperto, approfittando dell’assenza di altri clienti, si è avvicinato alla cassiera e le ha mostrato un grosso coltello da cucina intimandole di consegnargli l’incasso giornaliero. Ricevuta la somma in contanti di 160 euro si è dato subito alla fuga.

LEGGI ANCHE: Installato a Verona un sistema di irrigazione degli alberi con sacchi di acqua

Le indagini e l’arresto

Acquisita la descrizione dell’autore delle due rapine, i Carabinieri di San Bonifacio hanno svolto le indagini che hanno permesso di identificare l’autore delle due rapine in un giovane del posto, di origini brasiliane, già noto ai militari perché a inizio anno era stato già fermato nei pressi della stazione ferroviaria e, trovato in possesso di un coltello a serramanico di cui non forniva alcuna valida giustificazione circa la detenzione, era stato compiutamente identificato e denunciato per il reato di “porto di armi o oggetti atti ad offendere”.

Al termine delle indagini, svolte sotto le direttive della Procura della Repubblica di Verona, il G.I.P. del Tribunale di Verona ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare a carico del 25enne, che ieri è stato trasferito in carcere.

LEGGI ANCHE: Zanzare: nelle farmacie veronesi il kit antilarvale a prezzo calmierato