Salvati undici gatti dopo uno sfratto giudiziario

Dopo lo sfratto giudiziario del loro proprietario, i mici sono rimasti chiusi nel vecchio appartamento per volontà del padrone di casa, che non ha concesso all'uomo la possibilità di rientrare in casa per prendersene cura. Insieme a LAV e Comune di Verona, i felini sono stati tratti in salvo.

Gatti randagi strada gatto colonie feline Se li ami sterilizzali
Foto d'archivio

Fino a che l’ufficiale giudiziario non ha bussato alla loro porta, undici gatti – otto adulti e tre cuccioli – avevano infatti vissuto serenamente in un appartamento insieme al loro proprietario. A seguito dello sfratto giudiziario, però, per i felini e per l’uomo è cominciata una vera e propria odissea. 

Il loro proprietario, non potendoli portare subito con sé presso una nuova casa (che ancora non aveva trovato), li ha lasciati nell’appartamento sotto sfratto raggiungendo un accordo verbale con il proprietario delle mura, il quale aveva dato il consenso a farlo entrare in casa per dar loro da mangiare, cambiare l’acqua e pulire le lettiere. Ma questo purtroppo non è accaduto. 

LEGGI ANCHE: Pedone investito in viale del Lavoro, è grave

«Il proprietario di casa non solo ha negato l’accesso in casa come pattuito ma, avendo fretta di rientrare nel pieno possesso del suo appartamento, ha minacciato di liberarsi dei gatti abbandonandole per strada. Per fortuna il proprietario dei gatti, non sapendo a chi rivolgersi, ne ha parlato con un conoscente che non ha esitato a rivolgersi allo Sportello LAV contro i maltrattamenti di Verona e siamo potuti subito intervenire», ha dichiarato Annarita D’Errico, responsabile nazionale sportelli contro il maltrattamento di LAV. 

Capita subito la gravità della situazione e appurata l’esigenza di intervenire il prima possibile, lo Sportello LAV ha dunque chiesto immediato intervento all’Ufficio Tutela Animali del Comune di Verona. Il tempestivo intervento degli addetti del Comune ha permesso di constatare effettivamente, la presenza dei gatti in casa in condizioni di oggettiva difficolta, visto che non mangiavano da giorni. 

Il loro proprietario, non avendo ancora trovato un alloggio definitivo, si è visto costretto, suo malgrado ma per il loro esclusivo benessere, a cedere tutti i gatti che sono, finalmente, stati portati in salvo presso un rifugio/pensione convenzionato in attesa di essere sterilizzati e affidati a famiglie che possano prendersene cura.  

«Questa avventura, per fortuna conclusasi positivamente ma che poteva, invece, avere risvolti ben peggiori se solo non fossimo intervenuti tempestivamente, sarà solo un brutto ricordo per i mici salvati», ha concluso D’Errico. 

LEGGI ANCHE: Autovelox a Verona, ecco dove sono dal 22 al 28 aprile