Ruba macchinette per caffè all’Adigeo, arrestata 20enne a Verona

Distrae la commessa, sottrae delle macchinette per il caffè e fugge: 20enne arrestata dalla Polizia al centro commerciale Adigeo di Verona.

furto Adigeo agenti delle volanti

La giovane, di 20 anni, è entrata in un negozio, ha chiesto informazioni alla commessa su un articolo non esposto e, mentre lei si allontanava per cercarlo, ha sottratto due macchinette e un estrattore per caffè, per poi fuggire. È successo ieri, lunedì 28 marzo, intorno alle 9.15, all’interno del negozio Bialetti nel centro commerciale Adigeo di Verona.

L’allarme è stato dato da un addetto alla vigilanza del centro commerciale che, dopo aver fornito ai poliziotti una descrizione dettagliata della malvivente, l’ha seguita senza mai perderla di vista.

La segnalazione è stata immediatamente diramata alle pattuglie delle Volanti che, già vicine al luogo del furto, hanno subito individuato la responsabile, intercettata mentre fuggiva in via Torricelli.

Alla vista dei poliziotti, la giovane ha tentato di disfarsi della refurtiva gettandola a terra e si è tolta la maglia che indossava, nella speranza di non essere riconosciuta.

LEGGI ANCHE: Benini sul ballottaggio: «Tosi doveva fare di tutto per battere Sboarina»

Al termine degli accertamenti, il bottino – del valore complessivo di circa 320 euro – è stato riconsegnato alla responsabile del punto vendita. La giovane è stata, invece, arrestata e condotta negli Uffici di Lungadige Galtarossa dove, su disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica Alberto Sergi, ha atteso la celebrazione del rito direttissimo fissato per la mattinata odierna.

Questa mattina, dopo la convalida dell’arresto, la giovane ha patteggiato la pena di quattro mesi di reclusione e 300 euro di multa, pena sospesa.

LEGGI ANCHE: Ritrovato senza vita il 33enne di Fosse

Altri arresti in poche ore a Verona

L’arresto di ieri si aggiunge agli altri quattro arresti effettuati dagli agenti delle Volanti in meno di 72 ore.

Dopo l’arresto per rapina in concorso avvenuto venerdì scorso, sabato poco dopo le 16, i poliziotti hanno arrestato un 37enne, già noto alle forze dell’ordine, per tentato furto aggravato. L’uomo, noncurante dei numerosi passanti presenti in quel momento, aveva poco prima infranto con un grosso sasso i finestrini di un’auto in sosta in Lungadige Rubele, tentando poi di accedere all’interno dell’abitacolo per perpetrare il furto, senza tuttavia riuscirci. Dopo la convalida dell’arresto, ieri il giudice, all’esito del rito direttissimo, ha disposto nei suoi confronti la misura della custodia cautelare in carcere.

LEGGI ANCHE: Rapinano una 49enne in centro a Verona: geolocalizzati dal telefono rubato

Domenica notte, invece, poco dopo l’una, in via Sansovino (zona Stadio), gli agenti delle Volanti hanno arrestato per resistenza, violenza e minacce a pubblico ufficiale un 34enne che aveva poco prima creato scompiglio all’interno di un bar.

Domenica pomeriggio, infine, un uomo è stato arrestato per tentato furto in un’abitazione in piazza Chievo. Nei suoi confronti il giudice, dopo la convalida dell’arresto, ha disposto la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria tre volte a settimana.

LEGGI ANCHE: Marmolada, stop al turismo dell’orrore

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv