Roberta Gatani, nipote di Borsellino, ospite a San Giovanni Lupatoto

Roberta Gatani sarà ospite il 5 e 6 marzo della rassegna “Il fresco profumo della libertà”, organizzata dal Comune di San Giovanni Lupatoto.

Paolo Borsellino
Paolo Borsellino

Roberta Gatani, nipote del giudice Paolo Borsellino, sarà a San Giovanni Lupatoto il prossimo 5 marzo per incontrare gli studenti e la cittadinanza lupatotini.  

LEGGI LE ULTIME NEWS

Roberta Gatani sarà ospite della rassegna “Il fresco profumo della libertà” organizzata dell’Amministrazione comunale di San Giovanni Lupatoto, in collaborazione con ANIOC, Associazione Nazionale Insigniti Onorificenze Cavalleresche. 

Il titolo della rassegna è tratto dall’intervento che Paolo Borsellino fece nella Chiesa di San Domenico il 20 giugno 1992, a Palermo, subito dopo la Strage di Capaci: «La lotta alla mafia dev’essere innanzitutto un movimento culturale che abitui tutti a sentire la bellezza del fresco profumo della libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità».

«Grazie alla collaborazione con ANIOC, siamo onorati di poter ospitare Roberta Gatani nel nostro Comune per diffondere sempre più la cultura della legalità – afferma l’assessore alla Sicurezza Maurizio Simonato -. Roberta Gatani incontrerà la popolazione e gli studenti e questo ci fa immenso piacere perché le testimonianze dirette sono sempre molto più efficaci rispetto ai racconti riportati».

LEGGI ANCHE: In videochiamata col 118: innovazioni del Suem per le emergenze

Roberta Gatani è direttrice della Casa di Paolo, con sede nella vecchia farmacia di famiglia, nel cuore del quartiere palermitano della Kalsa, un luogo dove Paolo rivive oggi grazie ai volontari che si battono per offrire un futuro migliore ai giovani del quartiere.

A San Giovanni incontrerà gli studenti delle classi seconde della scuola secondaria di primo grado Da Vinci la mattina del giorno 5 marzo; mentre la sera, alle ore 20.45, presenterà al centro culturale di Piazza Umberto, il proprio libro: “Cinquantasette giorni”, quelli che separano la strage di Capaci dalla strage di via d’Amelio, oltre a raccontare, in parallelo, la quotidianità alla Casa di Paolo. Il giorno 6 marzo, alle 10, si terrà la commemorazione al monumento a Falcone, Borsellino ed agli agenti delle scorte nel Parco Borsellino di Pozzo. 

La rassegna si è aperta lo scorso 2 febbraio con l’incontro con Vincenzo Zurlo dell’associazione Legalmente Italia. 

LEGGI ANCHE: Sospeso l’account X di Luca Castellini, Berizzi: «Buona notizia»