Rapina in via XX Settembre: arrestati due dei responsabili

Erano in cinque i ragazzi di origine nordafricana che nella notte di venerdì 6 aprile hanno aggredito e rapinato due giovani italiani in via XX Settembre. La vicenda si è consumata intorno a mezzanotte, quando i due italiani sono stati accerchiati in strada dal gruppo di malviventi, i quali dopo calci, spintoni e minacce, sono fuggiti con il cellulare di una delle due vittime. Sopraggiunta sul posto, la polizia è riuscita ad individuare solo due dei nordafricani, che però non avevano con loro il cellulare appena rubato. I due, entrambi marocchini non regolari sul territorio italiano, sono stati quindi arrestati per furto aggravato in concorso e portati al carcere di Montorio. Ora sono al vaglio degli inquirenti le registrazioni della videosorveglianza per individuare il resto del gruppo.

Sono stati prima accerchiati e poi rapinati. È successo venerdì 6 aprile, intorno a mezzanotte, in via XX Settembre, dove un ragazzo di origine italiana, insieme ad un amico, è stato vittima di una rapina.

I due stavano camminando lungo la  strada quando cinque giovani di origine nordafricana li hanno circondati e, dopo minacce, calci e spinte, hanno sottratto il cellulare di uno dei ragazzi. I due amici hanno quindi chiamato la polizia che è riuscita a fermare due membri del gruppo di malviventi poco lontano. Del cellulare, però, nessuna traccia.I due fermati, Laqdime Ismail, pluripregiudicato, e Athman Hididi, entrambi irregolari sul territorio italiano, sono stati quindi arrestati per il reato di rapina aggravata in concorso e portati nel carcere di Montorio.

Ora sono al vaglio degli inquirenti le immagini del sistema di video sorveglianza per individuare gli altri responsabili che sono riusciti a fuggire. Oggi, dopo la convalida dell’arresto, il Gip ha disposto la custodia cautelare in carcere per Laqdime e la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria per Athman in attesa del processo.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.