Ragazze rapinate dopo il concerto in Arena, arrestato 29enne

È stato bloccato dai Carabinieri uno dei due rapinatori che, nelle prime ore di mercoledì scorso, avevano aggredito due ragazze uscite dal concerto di Annalisa.

Carabinieri Verona (3)

I Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Verona, nelle prime ore del 15 maggio sono intervenuti a seguito di una rapina commessa da due giovani ai danni di due ragazze, individuando uno dei presunti responsabili.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, il 29enne, già noto alle forze dell’ordine, di nazionalità marocchina, insieme a un complice, al momento rimasto ignoto, avrebbe incrociato le due ragazze di 29 e 22 anni su Stradone Porta Palio, mentre tornavano in hotel dopo aver assistito al concerto della cantante Annalisa.

LEGGI ANCHE: DDL Autonomia, arriva il via libera della Camera: è legge

Le vittime, aggredite alle spalle e spintonate a terra, sono state rapinate dei propri zaini, evitando fare resistenza per paura di subire ulteriori violenze.

Richiesto l’intervento dei Carabinieri, sul posto è arrivata una pattuglia della Sezione Radiomobile che, poco distante dal luogo dell’aggressione, e precisamente su Rigaste San Zeno, ha individuato e bloccato uno dei due aggressori, riconosciuto grazie alle indicazioni fornite dalle vittime, ovvero sulla base della descrizione fornita e sull’abbigliamento indossato.

LEGGI ANCHE: Verona nelle top 200 università al mondo per parità di genere

Il 29enne, alla vista dei carabinieri ha tentato di scappare, ma è stato inseguito e bloccato, dopo aver opposto resistenza e aggredito i Carabinieri. È stato quindi arrestato per rapina in concorso, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali.

Portato immediatamente in caserma, è stato perquisito e trovato in possesso non solo degli zaini che aveva rapinato poco prima, ma anche di altri oggetti rubati nei giorni precedenti, per i quali è stato anche segnalato per ricettazione. Dell’accaduto è stata informata l’Autorità Giudiziaria di Verona che ha disposto l’accompagnamento nella casa circondariale di Montorio.

LEGGI ANCHE: Idee per l’ex Seminario di San Massimo: svelate le tre proposte vincitrici