Quasi 100 mila euro di Iva non pagata, azienda tessile sanzionata

La società in questione, in sede di controllo, non è stata in grado di dimostrare il presupposto per l’esenzione del pagamento dell’IVA all’importazione di cui si era finora avvalsa.

Agenzia delle dogane
Agenzia delle dogane

I funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (ADM) in servizio presso l’Ufficio delle Dogane di Verona hanno rilevato che una multinazionale operante nel settore del commercio all’ingrosso di tessili, intimo e maglieria si avvaleva indebitamente della franchigia IVA. 

La società, infatti, dichiarava che “l’importo delle fatture relative all’operazione di esportazione ed alla reimportazione in franchigia non era stato utilizzato ai fini della creazione del plafond IVA ART.8-8BIS Dpr  26.10.1972 n. 633”, mentre in sede di verifica non è stata in grado di dimostrare il presupposto per l’esenzione del pagamento dell’IVA all’importazione (ossia che tali operazioni non erano state effettivamente oggetto di costituzione del plafond IVA).  

Effettuata quindi una revisione dell’accertamento con accesso anche per le precedenti operazioni di reintroduzione in franchigia, tutte avvenute senza il pagamento dell’IVA all’importazione, si è evinto che per tutte le reimportazioni oggetto di controllo non vi era il presupposto per l’esenzione. Si è proceduto pertanto al recupero di oltre 97 mila euro di IVA e all’irrogazione di una sanzione di circa 29 mila euro.

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?👉 È GRATUITO!👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv