Pos Corse saluta il Mugello con due podi

Il secondo weekend di gare, conferma la qualità dei piloti e di tutto il box. Competere con i più forti non è facile, ma il team veronese dimostra ancora una volta di poterlo fare.

Pos Corse chiude positivamente anche il Round 2 del CIV, sul circuito del Mugello. I verdetti finali confermano Filippo Bianchi, in Pre Moto 3, come “l’uomo giusto” per combattere contro tutti i rivali, anche quelli più “famosi” e organizzati. Capitolo a parte per la Moto 3, dove Adrian Carrasco e Devis Venturato, pur facendo notare il loro talento, stanno lavorando sulla concretezza di risultati.

In Pre Moto 3, Bianchi ha messo le cose in chiaro fin dalle qualifiche di sabato mattina. Nella lotta contro il cronometro infatti, il giovanissimo pilota toscano, è riuscito a guidare la sua Brevo Evotech motorizzata Yamaha fino alla seconda casella della griglia di partenza. Una posizione privilegiata che, unita ad una partenza intelligente in entrambe le gare, lo ha visto battagliare con i primi fino all’ultimo giro chiudendo in terza posizione sia Gara 1, sia Gara 2. Ora Filippo è secondo nella classifica generale.

«Bravissimo Filippo – commenta Beppe Oliveri, team manager di Pos Corse – che in condizioni molto difficili ha dimostrato di mantenere la calma dei forti. Per pochissimo abbiamo mancato il podio in Gara 1 e la seconda posizione in Gara 2 ma siamo sulla strada giusta. Personalmente sono dell’idea che vale di più un quarto posto a pochissimi decimi dai primi che un podio con distacco di tanti secondi».

Moto 3 in chiaro scuro invece per il team veronese. Le qualifiche di sabato hanno visto i due piloti faticare non poco contro i tempi del circuito: Carrasco a fine turno chiude in 12° posizione mentre Venturato, alla battaglia contro il cronometro deve aggiungere anche quella contro il dolore al braccio fratturato recentemente e non riesce a qualificarsi per la gara. Alcuni problemi di messa a punto che vengono risolti nel box: fin dai primi giri di Gara 1 infatti, Carrasco riesce a rimanere incollato al gruppetto dei primi e a girare con gli stessi tempi chiudendo in quinta posizione. Impresa sfiorata invece in Gara 2: dopo una bella rimonta infatti, lo spagnolo rimane vittima della sfortuna: una scivolata all’uscita da una curva mentre era in testa a tutto il gruppo, pone fine alle sue speranze di vittoria ma non di classifica. Infatti il tenace spagnolo non si perde d’animo e rimanendo saldamente attaccato ai manubri della sua Tm riesce a ripartire rimontando rabbiosamente varie posizioni, nonostante una pedana rotta e la carena malconcia chiuderà settimo portando a casa punti preziosi per il campionato che lo vede ora in quinta posizione.

«Dopo un turno di qualifiche non esaltante – commenta Oliveri – siamo riusciti a migliorare le moto e a mettere in condizione Adrian di battagliare per le prime posizioni. Peccato per la caduta in Gara 2: il potenziale per fare bene oggi c’era, a Carrasco voglio fare però i complimenti perché non si è perso d’animo e, nonostante la moto danneggiata, è riuscito a concludere la gara portando a casa punti preziosi in ottica campionato».

Il team Pos Corse adesso è già al lavoro per prepararsi al meglio al prossimo weekend di gare. Il Round 3 del Campionato Italiano Velocità è previsto per il 29 e 30 giugno 2019, le curve saranno quelle dello storico Circuito di Imola.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.