Polizia, controlli serrati: 4 arresti in un giorno

Da furti in negozi fino a prelievo di carburante, sono quattro gli uomini finiti in manette in un intenso lavoro delle Forze dell'Ordine sul territorio.

New call-to-action

Il 10 aprile è stata la Giornata nazionale della Polizia di Stato e, a Verona, ha portato un intenso lavoro con diversi arresti, dal mattino fino alla sera. Il primo a finire in manette nella mattinata è un cittadino tunisino intorno alle 10. L’uomo di 32 anni, che si era introdotto nel negozio “Caddy’s” di piazza San Nicolò per poi uscirne con in tasca merce non pagata del valore di circa 100 euro, è stato intercettato dalla polizia subito dopo il furto. Gli agenti lo hanno individuato poco distante, in via Leoni, grazie alle dettagliate informazioni fornite dal responsabile del punto vendita che, fino all’arrivo della Volante, ha seguito, mantenendosi a debita distanza, l’autore del taccheggio. L’uomo, noto alle forze dell’ordine, era già destinatario della misura del divieto di dimora nel Comune di Verona. E’ comparso davanti al giudice che ha convalidato l’arresto.

Il secondo a essere finito in manette è stato un 38enne moldavo, sempre per furto all’interno di un negozio. Questa volta si tratta di “OVS” di via Roma. L’uomo è stato sorpreso, intorno alle 19, dal direttore dell’attività e da un addetto all’assistenza clienti mentre stava tentando di uscire dall’esercizio commerciale con indosso uno zaino pieno di abiti rubati. La merce, del valore complessivo di oltre 500 euro, è stata rinvenuta dai poliziotti tutta danneggiata nelle parti in cui il cittadino straniero aveva tolto le placche antitaccheggio, sperando di evitare di essere rilevato dai sensori delle barriere presenti a ridosso delle porte d’uscita. All’uomo è stato contestato il reato di tentato furto aggravato.

Altri due cittadini stranieri sono stati arrestati nelle ore serali, sorpresi subito dopo aver commesso un furto di carburante presso il distributore “M Fuel” di via Gardesane. A segnalare l’episodio è stato lo stesso titolare della stazione di rifornimento che, intorno alle 21.10, ha assistito a un continuo alternarsi di persone che, oltre a rifornire i propri mezzi, riempivano, una dietro l’altra, taniche vuote, per ricaricarle in macchina velocemente una volta piene. Uno dei veicoli coinvolti è stato fermato dagli agenti delle Volanti mentre stava lasciando il parcheggio adiacente al distributore. A bordo due cittadini romeni di 48 e 43 anni finiti in manette per il reato di furto aggravato in concorso. Avevano caricato nell’auto anche tre contenitori di plastica da 25 litri ciascuno, colmi di gasolio asportato grazie all’uso di una carta carburante clonata. Proseguiranno nelle prossime ore gli accertamenti orientati ad individuare ulteriori responsabili del furto che, nel complesso, sono riusciti a rubare 3.717,86 euro di carburante.