Pnrr: Guardia di Finanza, Comune e Provincia di Verona alleati

Firmata l'alleanza per il corretto impiego dei fondi del Pnrr fra Guardia di Finanza, Provincia e Comune di Verona.

La firma del protocollo dedicato al Pnrr fra Guardia di Finanza, Provincia e Comune di Verona
La firma del protocollo dedicato al Pnrr fra Guardia di Finanza, Provincia e Comune di Verona

Nella mattinata di oggi nella sede del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Verona, le Fiamme Gialle scaligere hanno sottoscritto due protocolli d’intesa, con la Provincia e con il Comune di Verona, con l’obiettivo condiviso di presidiare il corretto impiego delle risorse rivenienti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), il programma nazionale di riforme e investimenti discendente dal “Next Generation EU”.

Le due intese protocollari – siglate rispettivamente dal Presidente della Provincia Manuel Scalzotto e dal Sindaco Federico Sboarina con il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, Col. t.ST Vittorio Francavilla, pongono le basi per rafforzare la tutela degli interessi finanziari dell’Unione e nazionali e per prevenire potenziali frodi o altri illeciti impieghi delle cospicue risorse destinate anche al contesto territoriale scaligero

LEGGI ANCHE: Medici introvabili: ULSS 9 scaligera in difficoltà

Il Regolamento UE 241/2021, che ha istituito, a livello europeo, il dispositivo per la ripresa e la resilienza, prevede, infatti, che gli Stati membri, quali beneficiari di fondi, debbano adottare ogni iniziativa utile a prevenire e contrastare i casi di frode, corruzione, conflitti di interesse e doppi finanziamenti, lesivi degli interessi finanziari dell’Unione, anche mediante il potenziamento del proprio sistema nazionale antifrode. 

La sottoscrizione degli accordi di collaborazione assume ulteriore significatività perché avvenuta alla presenza del Prefetto di Verona Donato Giovanni Cafagna.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Un intervento di portata epocale come il PNRR richiede, oggi come non mai, la più stretta sinergia tra le Amministrazioni non solo centrali, ma anche territoriali e locali chiamate ad assicurare – sulla base delle rispettive competenze istituzionali – un quadro di efficaci controlli, nell’ambito di un disegno complessivo di transizione per far crescere il Paese e condurlo verso un’economia più sostenibile, innovativa e inclusiva.

La mirata circolarità di qualificati input informativi e un canale strutturato di comunicazione tra gli Enti e la Guardia di Finanza, previsto dalle intese odierne, rafforzano in concreto il dispositivo di prevenzione e contrasto delle eventuali irregolarità e delle potenziali condotte illecite connesse alle straordinarie misure di sostegno e finanziamento previste dal Piano. 

LEGGI ANCHE: Montorio: trovato un corpo senza vita e un cane poco lontano

Cosa prevede l’accordo

Gli accordi di collaborazione, validi fino al 31 dicembre 2026 e, comunque, fino al completamento del PNRR, prevedono infatti – nello specifico – che la Provincia e il Comune di Verona pongano a disposizione della Guardia di Finanza dati e informazioni circostanziati e notizie qualificate, di cui siano venuti a conoscenza quali soggetti destinatari finali, beneficiari o attuatori, ritenute utili per la prevenzione e la repressione di illeciti nella specifica materia

La Guardia di Finanza, quale forza di polizia economico-finanziaria a competenza generale, potrà utilizzare gli elementi così acquisiti per orientare efficacemente la propria azione verso quei soggetti e quei contesti connotati da più elevato rischio, avviando conseguenti analisi, approfondimenti e controlli. 

Il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, evidenziando la storica portata dell’intervento pubblico a sostegno dell’economia e dell’ammodernamento del Paese, sottolinea il primario impegno della Guardia di Finanza in tale contesto. L’importante sforzo organizzativo e di gestione richiesto a tutte le Amministrazioni beneficiarie di fondi e i recenti interventi normativi di semplificazione soprattutto in materia di appalti pubblici vanno accompagnati da un’azione di vigilanza penetrante ed efficace. Il ruolo di polizia economico finanziaria riconosciuto al Corpo anche dalle norme comunitarie, oltre che nazionali, richiede un’azione operativa capace di favorire la compliance e di svilupparsi in modo trasversale al fine di prevenire, anche grazie alla collaborazione degli Enti a vario titolo coinvolti e dei cittadini, potenziali fenomeni fraudolenti, corruttivi o rischi di infiltrazione della criminalità organizzata, resi sicuramente più concreti ed elevati in ragione del volume di risorse finanziarie pubbliche in gioco. È proprio in quest’ottica che rientrano gli odierni protocolli d’intesa. 

«Uno strumento in più per alzare un muro invalicabile a chi pensa o spera di poter fare affari illeciti nel nostro territorio, sfruttando le ingenti somme in arrivo dall’Europa –commenta il sindaco Federico Sboarina -. Non c’è dubbio che i fondi del Pnrr rappresentino un ghiotto bottino per la criminalità organizzata, come è vero che la nostra provincia, essendo un tessuto ricco e produttivo, non è immune da fenomeni di stampo malavitoso. Ed è proprio in questo contesto che la prevenzione diventa il più efficace dei deterrenti, e i controlli e la collaborazione tra istituzioni uno strumento per ribadire con la più assoluta fermezza che qui non c’è spazio per chi vuole delinquere».

«Ringrazio il Comando della Guardia di Finanza per la disponibilità, questo protocollo rafforza di fatto una collaborazione già in atto e potenzia le attività a sostegno di un territorio che ripudia fermamente ogni forma di criminalità organizzata. In questa fase storica, i fondi del Pnrr sono un’opportunità troppo importante, e per noi è fondamentale assicuraci che le risorse che spettano alla comunità siano investite in nome e per conto della comunità» conclude Sboarina.

LEGGI ANCHE: I controlli della velocità a Verona dal 15 al 21 agosto

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv