Piena dell’Adige, il peggio è passato

New call-to-action

Da 1,95 metri a 1,6. Il livello del fiume Adige è per fortuna in calo, grazie al deflusso delle acque nel lago di Garda e allo svuotamento delle dighe da parte della Regione Trentino nei giorni scorsi. Un riassunto della giornata di oggi

“Se quella galleria tra Mori e Torbole non fosse stata aperta, forse non ce l’avremmo fatta”. Queste le parole della Protezione Civile di Verona, che assieme a molte altre associazioni questa mattina si è attivata presto per avviare tutte le procedure per far fronte alla piena dell’Adige, attesa tra le 10 e le 14.
Uomini della Protezione Civile, ma anche la squadra sommozzatori, le forze dell’Ordine, e gli Alpini, hanno sorvegliato tutti i ponti del veronese, in particolare i più a rischio, come quello di Settimo di Pescantina, quello di Arcè, quello del Porto San Pancrazio.
Ma alle 12 è stato chiuso il traffico pedonale anche su Ponte Pietra, per questioni di sicurezza. Ora la situazione è in miglioramento, spiega la Protezione Civile, che è attiva da 48 ore per volere della Prefettura attraverso il CCS, centro coordinamento di soccorso.
Il livello massimo dell’acqua ha raggiunto 1,95 metri, con una soglia massima di sopportazione che si attesta sui 2,20 metri.
Ci siamo andati vicini, possiamo dire, e forse a salvare la città, e tutti i paesi lungo il corso del fiume, come Legnago e San Giovanni Lupatoto, potrebbe essere stata la decisione di aprire la condotta Adige-Garda, che da Mori arriva fino a Torbole, e riversa nelle acque del lago grandi quantitativi di acqua, alleggerendo il corso del fiume.
La decisione è stata presa dalla Regione Trentino, ieri in serata. La condotta era stata costruita tra gli anni trenta e gli anni cinquanta, e fino a ieri era stata utilizzata solo 11 volte, l’ultima nel 2002. Ma questa presa di posizione potrebbe avere delle conseguenze per l’ecosistema del lago di Garda: il riversamento dell’acqua dell’Adige infatti arriverebbe ad una temperatura che oscilla tra i 6-8 gradi, rispetto ai 10 del lago.
Il servizio