Picchia l’ex per più di un’ora, fermato a Verona l’aggressore insieme a un complice

Il complice si è spacciato per postino per consentire all'aggressore di raggiungere l'ex fidanzata, che si era rifugiata da amici nel Veronese. Entrambi sono stati fermati dalla Polizia.

atti persecutori picchia l'ex per più di un'ora
La Polizia di Stato è attiva per contrastare le violenze di genere

Era stata costretta a cambiare ripetutamente il proprio domicilio per sottrarsi ai maltrattamenti e alle continue vessazioni messe in atto dal precedente fidanzato. Da ultimo, era riuscita a trovare rifugio a casa di una coppia di amici, nel Veronese. Ma il tentativo di fuggire da quell’uomo che, nell’ultimo anno, le aveva più volte usato violenza, è stato vano.

Martedì mattina, infatti, dopo aver scoperto il nuovo domicilio della giovane, il ragazzo, con l’aiuto di un complice travestito da postino, è riuscito a farsi aprire la porta di casa.

La donna, appena si è resa conto che si trattava di una trappola congegnata dall’ex compagno, ha cercato di nascondersi in una delle stanze, all’interno del letto contenitore. Di lì a poco, mentre il complice tratteneva con la forza l’amica, la vittima è stata raggiunta dal suo aggressore che, dopo aver chiuso a chiave la porta della camera per impedirne la fuga, ha infierito su di lei per circa un’ora, prima di fuggire insieme al complice, con i cellulari della donna in mano.

LEGGI ANCHE: Covid, i dati dei contagi a Verona e in Veneto

La ragazza – che immediatamente dopo l’agguato ha allertato la Polizia – è stata trasportata all’ospedale di Borgo Trento, dal quale è stata dimessa con una prognosi di 15 giorni per il trauma facciale con frattura dentale subito. Gli agenti delle Volanti intervenuti hanno raccolto la denuncia della vittima che ha condotto all’arresto dell’aggressore, intercettato, insieme al complice, in Stradone Santa Lucia. Entrambi sono finiti in manette e, in attesa di convalida, sono stati condotti presso il carcere di Montorio.

«Si tratta» spiega la dirigente delle Volanti della Questura di Verona Vanessa Pellegrino «dell’ultima testimonianza di violenza di genere raccolta dalla Polizia di Stato, da anni in prima linea per osteggiare questo crimine odioso che affonda le proprie radici nella discriminazione, che è frutto di retaggi culturali completamente superati, di stereotipi e pregiudizi».

LEGGI LE ULTIME NEWS

«A più di un anno dall’entrata in vigore del cosiddetto “Codice Rosso” – normativa specifica che, oltre ad aver introdotto nuove fattispecie di delitti, ha perfezionato i meccanismi già esistenti di tutela delle vittime di violenza domestica e di genere – ancora è lunga la strada da percorrere».

«L’innovazione giuridica – la dottoressa Pellegrino – deve essere necessariamente affiancata da una rivoluzione culturale: non basta applicare la legge, ma è necessario assicurare alla donna l’accoglienza, le informazioni e il sostegno necessaria sfuggire dalla condizione di soggezione emotiva e di isolamento psicologico che sta vivendo. Questo è l’obiettivo che la Polizia di Sato si prefigge proponendo, ormai da 5 anni, la propria campagna di sensibilizzazione “Questo non è amore”; in tal modo, oltre ad intervenire a reato consumato per favorire l’emersione delle situazioni di violenza, si tenta di agire preventivamente, attraverso un’incisiva e capillare opera di supporto e sensibilizzazione».

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM