Piano rilancio Fondazione Arena, respinta la mozione

Respinta la mozione presentata ieri sera sul tema del futuro di Fondazione Arena. Il documento impegnava l'Amministrazione a richiedere alla Regione un aumento dei contributi e al Ministero per i Beni e le Attività culturali un aumento del Fus e contributi straordinari. Inoltre, chiedeva il ripristino dei corretti rapporti con le rappresentanze sindacali e la relazione trimestrale e la presentazione al Consiglio, entro la fine di settembre, del Piano di rilancio della Fondazione.

fondazione arena

Il futuro di Fondazione Arena è stato al centro della discussione del Consiglio straordinario di ieri sera, convocato su richiesta dei consiglieri di minoranza con una mozione a firma dei capigruppo Michele Bertucco (Sinistra in Comune) e Federico Benini (Pd). Il documento, respinto con 23 voti contrari e 13 favorevoli, sottoscritto dai gruppi Movimento 5 stelle, Fare Verona, Lista Tosi e Traguardi Verona, impegnava l’Amministrazione a richiedere alla Regione un aumento dei contributi in favore della Fondazione Arena e al Ministero per i Beni e le Attività culturali e per il turismo un aumento del Fus e contributi straordinari per questa realtà culturale veronese. Inoltre, chiedeva il ripristino dei corretti rapporti con le rappresentanze sindacali e la relazione trimestrale in sede della conferenza di capigruppo sulla situazione di gestione di Fondazione. Infine, la presentazione al Consiglio, entro la fine del mese di settembre, del Piano di rilancio della Fondazione.

«È da ricordare che la Fondazione è uscita dal commissariamento l’8 gennaio 2018 e che, già nell’anno successivo, siamo stati in grado di chiudere un bilancio molto importante, con risultati positivi frutto di un piano di rilancio di alta qualità. – ha detto il sindaco Federico Sboarina e presidente di Fondazione Arena – Non è però un percorso che si risolve in pochi mesi, anche se siamo immediatamente partiti acquisendo ottimi risultati. Poi è arrivata la pandemia, uno situazione di crisi che ha destabilizzato tutto. In particolare la Fondazione Arena che, più delle altre, viene colpita nella sua programmazione legata alla stagione estiva e nella sua capienza di pubblico che, per nuove ragioni di sicurezza e distanziamento, è fortemente contratta, con soli 3500 posti autorizzati a serata. Come è successo in tutti gli ambiti economici e sociali della nostra città, anche per Fondazione questa pandemia è stato un danno di enormi proporzioni. Anche nei momenti più difficili dell’emergenza sanitaria non sono mai mancati i confronti con il consiglio di indirizzo di Fondazione, proprio per continuare un lavoro di progettazione in grado di offrire, anche nel più peggiore degli scenari, un cartellone per la stagione 2020. La richiesta delle minoranze di una presentazione al Consiglio, entro la fine del mese di settembre, del Piano di rilancio della Fondazione è in questo momento un punto di difficile concretizzazione. Siamo ancora in una fase di incertezza, capire quali saranno gli scenari su cui lavorare nel breve periodo è ancora difficile».

«Il percorso di rilancio è solo all’inizio. Impensabile che si possa uscire in poco tempo dal disastro economico ereditato. – ha detto la Sovrintendete di Fondazione Arena Cecilia Gasdia – I positivi risultati ottenuti nel 2019 hanno rappresentato un punto di partenza importante. Anche durante il periodo di pandemia abbiamo continuato a lavorare per strutturare più piani di rilancio che potessero, quando fosse stato possibile, portare alla realizzazione della stagione estiva 2020. Ricordo che le Fondazioni italiane e europee hanno chiuso la programmazione 2020 e rinviato tutto al 2021, mentre noi abbiamo proposto un’alternativa capace di mettere in scena un cartellone di alta qualità anche in un post Covid pieno di incertezze e limitazioni. Anche la programmazione del Teatro Filarmonico è rimasta sostanzialmente invariata. Un risultato per nulla scontato. Frutto di una volontà condivisa orientata ad offrire un effettivo rilancio di Fondazione, il cui futuro non è mai stato messo in discussione».

«È data finalmente l’occasione, al Consiglio e alle rappresentanze sindacali collegate questa sera alla seduta, di discutere sul futuro di questa importante realtà culturale della nostra città. – ha spiegato Michele Bertucco, per illustrare la mozione – Vi è la necessità di risposte chiare ed urgenti in termini economici e di programmazione di eventi per un concreto rilancio di Fondazione. Serve l’apporto di tutti, con una maggiore interazione dell’Amministrazione con le diverse realtà economiche della città che traggono beneficio dalle attività di Fondazione. Questa mozione non ha alcun intento di strumentalizzazione, ma l’unico obiettivo di intervenire in favore dei lavoratori e del futuro della Fondazione. La richiesta di una corretta e puntuale informativa sul Piano di rilancio non aveva alcuna intenzione di mettere in difficoltà l’Amministrazione».