Per Natale Hosteria17 propone dolcezza e spensieratezza

Monica Todesco e la figlia Elena Perlini, titolari dell'Hosteria17, hanno avviato un'iniziativa "gustosa" in vista del Natale, per non arrendersi alle difficoltà che conseguono alle misure restrittive del nuovo dpcm: dei box culinari che i cittadini possono regalare ai propri cari sostenendo le attività del quartiere. Un'idea che vuole essere un'esortazione e uno stimolo per tutto il settore della ristorazione, con la speranza di innescare un circuito virtuoso a supporto del territorio.

Hosteria 17 propone due buoni che regalano uno dolcezza e l’altro spensieratezza: si tratta di due cards natalizie, pronte anche da spedire (vista la limitazione agli spostamenti) che racchiudono due diversi buoni d’asporto; per chi vuole regalare dolcezza può acquistare la card del valore di 8 euro e regalare due dessert d’asporto, mentre chi vuole donare spensieratezza può acquistare la card del valore di 20 euro, che comprende un antipasto e un primo d’asporto.

La modalità per usufruire del buono è la stessa per entrambi: chi riceve la cartolina regalo non deve fare altro che chiamare, quando vorrà, l’Hosteria17 al numero che trova sul retro del biglietto, ordinare e ritirare i due dessert o l’antipasto e primo.

Non solo questa l’iniziativa in campo, ma anche un vero e proprio servizio completo: il cesto “come al ristorante con la cena o il pranzo, dall’antipasto al dolce, che la cucina prepara su misura del cliente. Per un pranzo, una cena o per il cenone di San Silvestro “come al ristorante”, anche se il ristorante non potrà essere aperto.

Hosteria17 prepara tutte le portate, ognuna nelle sue box, abbinate con il vino giusto (per l’occasione scontato), che poi a casa si potranno all’occorrenza riscaldare e impiattare seguendo i consigli dello chef.

«Abbiamo deciso di rimboccarci le maniche e reagire», spiega la titolare Monica Todesco. «Per noi e per i nostri clienti, sia quelli più affezionati, sia chi ci sta conoscendo e vuole fare un regalo originale: tutto avviene nel pieno rispetto delle regole. Noi facciamo il tifo per la categoria intera: con questa iniziativa speriamo di essere da stimolo per i nostri colleghi, sperando che altri ristoratori abbiano idee originali come e più della nostra. Sia per dare uno slancio all’attività, oggi messa a dura prova, sia per salvare quella magia che questo periodo dell’anno porta, anche in tavola».