Pasqua nera anche a Verona per la Polizia Ferroviaria

Arriva il bilancio dei controlli a tappeto durante le feste: quasi 2 mila i soggetti coinvolti e 3 i minori ritrovati che erano spariti da qualche giorno.

Arriva il bilancio di Pasqua della Polizia Ferroviaria che intensifica la sua attività durante le feste: 1985 persone controllate, 3 indagate, 3 minori rintracciati e 4 sanzioni amministrative. I controlli a tappeto delle forze dell’ordine si sono svolti nelle principali stazioni ferroviarie delle quattro province Verona, Vicenza, Trento e Bolzano di competenza del Compartimento “per Verona ed il Trentino Alto Adige” nel periodo di Pasqua.

I servizi istituzionali sono stati intensificati con l’impiego di 141 pattuglie nelle stazioni e 5 a bordo treno. 12 i convogli ferroviari vigilati. 6 i servizi antiborseggio in abiti civili per contrastare, in particolare, i furti in danno dei viaggiatori. 3 i minori che si erano allontanati, chi da un paio di giorni dalla propria famiglia, chi da una Comunità di recupero o dal reparto di psichiatria infantile di un ospedale, rintracciati a bordo treno o nelle stazioni ferroviarie e riaffidati.

In particolare, sono stati scoperti in treni differenti due viaggiatori sprovvisti di biglietto per sé o per la “e-bike” al seguito. Il rifiuto rivolto ai capitreno di regolarizzare la propria posizione e di fornire le generalità ha originato l’intervento della Polizia Ferroviaria i cui operatori hanno proceduto a denunciare i due che nel frattempo avevano anche insultato il personale ferroviario. Sorpreso in stazione con a carico l’obbligo del Questore di lasciare il territorio dello Stato entro 7 giorni, uno straniero è stato denunciato e, nel contempo, sanzionato per la violazione del regolamento di Polizia Ferroviaria e per l’indebito stazionamento in area ferroviaria da dove è stato allontanato ai sensi della normativa sul cd. “Daspo Urbano” in attesa dell’adozione, da parte dell’ufficio immigrazione della Questura scaligera, di una misura più rigorosa.