Papa Francesco a Venezia fra carcere, arte e giovani: «Donatevi senza paura!»

Oltre diecimila fedeli per la messa in piazza San Marco, ma il Santo Padre ha prima incontrato le detenute alla Giudecca, visitato la Biennale e parlato ai giovani.

Papa Francesco a Venezia
Papa Francesco a Venezia

In attesa del Santo Padre a Verona, oggi altra tappa veneta per Papa Francesco. Anche a Venezia, come in programma per Verona, non è mancata la visita al carcere, in questo caso quello femminile della Giudecca.

Con le detenute ha condiviso un messaggio di speranza e dignità, incoraggiando un ambiente di rispetto reciproco e crescita umana. Successivamente, ha visitato la Biennale di Venezia, dove ha sottolineato l’importanza dell’arte contemporanea nel valorizzare il contributo delle donne nella società.

Poi ha incontrato i giovani alla Basilica della Madonna della Salute, esortandoli a sollevarsi dalle difficoltà e ad abbracciare la vita con spirito rivoluzionario e creativo. La sua ultima tappa è stata la messa pubblica a piazza San Marco, con una grande partecipazione di fedeli, oltre diecimila persone. Prima di lasciare Venezia, Papa Francesco ha ringraziato coloro che lo hanno accolto e ha chiesto preghiere per sé.

LEGGI ANCHE: Al Consorzio ZAI il Premio Verona Network 2024

Papa Francesco a Venezia con il presidente del Veneto Luca Zaia

Il presidente Zaia: «Un privilegio»

«È stato un privilegio oggi aver ricevuto la visita di papa Francesco a Venezia, la capitale del Veneto con i suoi 1100 anni di storia e la meravigliosa Basilica di San Marco, simbolo di tutto ciò che rappresenta questa città. Con la sua visita pastorale il Papa ha portato un segnale di pace, invocandola non solo per il Medio Oriente e l’Ucraina, due terre segnate da pesanti conflitti, ma anche per tutte quelle zone del mondo, oltre una sessantina, in cui si continua a morire. Come diceva Hemingway, la guerra è il luogo dove gli uomini peggiori mandano a morire gli uomini migliori. Dobbiamo lavorare tutti per la pace» ha detto il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia.

«Qui in Veneto esiste una comunità dalle profonde radici cristiane, dove credenti e non credenti si riconoscono uniti da un carattere comune, la solidarietà. Basti pensare che un veneto su cinque, credente e non credente, è impegnato in attività di volontariato. Una regione, la nostra, che è non solo cosmopolita ma anche inclusiva, come ha auspicato il Papa. Un Pontefice che ha sempre saputo parlare agli ultimi, con quella particolare attenzione che non siano lasciate indietro persone per scelte di vita o condizioni di disagio. Mi sono sentito particolarmente orgoglioso quando il Santo Padre ha definito Venezia una ‘terra che fa fratelli’: un riconoscimento a questa Regione che da sempre è un crocevia tra Oriente e Occidente, quindi luogo ideale per parlare di pace. A Papa Francesco un grande grazie e un arrivederci a Verona il prossimo 18 maggio».

LEGGI ANCHE: Stati Generali della Lessinia: servizi e politiche sociali per contrastare il calo demografico

Papa Francesco a Venezia con il presidente del Veneto Luca Zaia
Papa Francesco a Venezia con il presidente del Veneto Luca Zaia

LEGGI ANCHE: Zanzare: nelle farmacie veronesi il kit antilarvale a prezzo calmierato

L’incontro con le detenute

Alle ore 6.32 di questa mattina, il Santo Padre Francesco è partito in elicottero dall’eliporto del Vaticano per recarsi in Visita Pastorale a Venezia.

Al Suo arrivo, alle ore 7.55, dopo l’atterraggio nel Piazzale interno della Casa di Reclusione femminile Venezia-Giudecca, il Santo Padre è stato accolto dal Patriarca di Venezia, S.E. Mons. Francesco Moraglia, dal Ministro della Giustizia Carlo Nordio, dal Provveditore Rosella Santoro, dalla Direttrice della struttura, Mariagrazia Felicita Bregoli e dal Comandante della Polizia Penitenziaria, Lara Boco.

Nel Cortile interno della Casa di Reclusione, il Papa ha incontrato le Detenute. Erano presenti anche il Personale Amministrativo, gli Agenti della Polizia Penitenziaria e alcuni Volontari.

Dopo aver salutato individualmente le Detenute, Papa Francesco ha pronunciato il Suo discorso.

Al termine dell’incontro, prima di lasciare il Cortile interno della Casa di Reclusione per raggiungere la Chiesa della Maddalena per l’Incontro con gli Artisti, il Santo Padre ha offerto in dono un quadro con l’immagine della Madonna col bambino e le detenute hanno donato al Papa alcuni prodotti da loro realizzati nei laboratori della struttura. Quindi tre donne hanno rivolto a Papa Francesco alcune parole di ringraziamento e gratitudine per la Sua visita.

Pubblichiamo di seguito il discorso che il Papa ha pronunciato nel corso dell’incontro:

Discorso del Santo Padre

Care sorelle, cari fratelli! Tutti siamo fratelli, tutti, e nessuno può rinnegare l’altro, nessuno!

Saluto con affetto tutti, e specialmente voi sorelle, detenute della Casa di Reclusione della Giudecca. Ho desiderato incontrarvi all’inizio della mia visita a Venezia per dirvi che avete un posto speciale nel mio cuore.

Vorrei, perciò, che vivessimo questo momento non tanto come una “visita ufficiale”, quanto come un incontro in cui, per grazia di Dio, ci doniamo a vicenda tempo, preghiera, vicinanza e affetto fraterno. Oggi tutti usciremo più ricchi da questo cortile – forse chi uscirà più ricco sarò io –, e il bene che ci scambieremo sarà prezioso.

È il Signore che ci vuole insieme in questo momento, arrivati per vie diverse, alcune molto dolorose, anche a causa di errori di cui, in vari modi, ogni persona porta ferite e cicatrici, ogni persona porta delle cicatrici. E Dio ci vuole insieme perché sa che ognuno di noi, qui, oggi, ha qualcosa di unico da dare e da ricevere, e che tutti ne abbiamo bisogno. Ognuno di noi ha la propria singolarità, ha un dono e questo è per offrirlo, per condividerlo.

Il carcere è una realtà dura, e problemi come il sovraffollamento, la carenza di strutture e di risorse, gli episodi di violenza, vi generano tanta sofferenza. Però può anche diventare un luogo di rinascita, rinascita morale e materiale, in cui la dignità di donne e uomini non è “messa in isolamento”, ma promossa attraverso il rispetto reciproco e la cura di talenti e capacità, magari rimaste sopite o imprigionate dalle vicende della vita, ma che possono riemergere per il bene di tutti e che meritano attenzione e fiducia. Nessuno toglie la dignità di una persona, nessuno!

Allora, paradossalmente, la permanenza in una casa di reclusione può segnare l’inizio di qualcosa di nuovo, attraverso la riscoperta di bellezze insospettate in noi e negli altri, come simboleggia l’evento artistico che state ospitando e al cui progetto contribuite attivamente; può diventare come un cantiere di ricostruzione, in cui guardare e valutare con coraggio la propria vita, rimuoverne ciò che non serve, che è di ingombro, dannoso o pericoloso, elaborare un progetto, e poi ripartire scavando fondamenta e tornando, alla luce delle esperienze fatte, a mettere mattone su mattone, insieme, con determinazione. Per questo è fondamentale che anche il sistema carcerario offra ai detenuti e alle detenute strumenti e spazi di crescita umana, di crescita spirituale, culturale e professionale, creando le premesse per un loro sano reinserimento. Per favore, non “isolare la dignità”, non isolare la dignità ma dare nuove possibilità!

Non dimentichiamo che tutti abbiamo errori di cui farci perdonare e ferite da curare, io anche, e che tutti possiamo diventare guariti che portano guarigione, perdonati che portano perdono, rinati che portano rinascita.

Cari amici e amiche, rinnoviamo oggi, io e voi, insieme, la nostra fiducia nel futuro: non chiudere la finestra, per favore, sempre guardare l’orizzonte, sempre guardare il futuro, con la speranza. A me piace pensare la speranza come un’ancora, sai, che è ancorata nel futuro, e noi abbiamo nelle mani la corda e andiamo avanti con la corda ancorata nel futuro. Proponiamoci di cominciare ogni giornata dicendo: “oggi è il momento adatto”, oggi, “oggi è il giorno giusto”, oggi (cfr 2Cor 6,2), “oggi ricomincio”, sempre, per tutta la vita!

Vi ringrazio di questo incontro e vi assicuro la mia preghiera per ognuna di voi. E voi pregate per me, ma a favore non contro!

E questo è il dono che vi lascio. Guardate, è un po’ la tenerezza della mamma, e questa tenerezza Maria l’ha con tutti noi, con tutti noi, è la madre della tenerezza. Grazie.

[scambio doni e saluti detenute]

E adesso mi cacciano via! Grazie, grazie tante, vi ricorderò! E avanti e coraggio, non mollare, coraggio e avanti!

LEGGI LE ULTIME NEWS