Olimpiadi 2026, sopralluogo in Arena con il comitato organizzatore

Per i preparativi in vista delle Olimpiadi di Milano-Cortina 2026, che vedono coinvolta anche Verona, il sindaco Damiano Tommasi è stato convocato a Roma alla prossima cabina di regia.

Sopralluogo Arena - Olimpiadi 2026
New call-to-action

Il sindaco di Verona, Damiano Tommasi ha accompagnato oggi pomeriggio per un sopralluogo in Arena il Commissario Straordinario della società Infrastrutture Milano-Cortina 2026 – SIMICO Spa Luigivalerio Sant’Andrea con i suoi tecnici.

All’incontro erano presenti anche la vicepresidente e assessora alle infrastrutture della Regione Veneto Elisa De Berti, la Responsabile tutela archeologica della Soprintendenza, nonché attualmente delegata a supplire al ruolo di Soprintendente alle Belle Arti di Verona, dott.ssa Brunella Bruno, i rappresentanti di Fondazione Milano Cortina, la vicesindaca di Verona, Barbara Bissoli e i dirigenti del Comune di Verona dei settori di competenza.

LEGGI ANCHE: Verona attende il sorriso di Papa Francesco

Il sopralluogo è stato convocato dal Commissario Straordinario Sant’Andrea, a seguito della Cabina di Regia tenutasi a Venezia il 27 febbraio scorso, e nel corso della quale gli era stato chiesto di occuparsi in maniera efficace e tempestiva del tema dell’accessibilità dell’Arena, quale sede delle cerimonie di chiusura delle Olimpiadi 2026 e di apertura delle Paralimpiadi, al fine di acquisire tutti gli elementi indispensabili per consentire la più rapida programmazione e valutazione delle opere di adeguamento necessarie, che dovranno poi essere finanziate per arrivare pronti alla manifestazione.

LEGGI ANCHE: Arresto cardiaco in strada a Verona: rianimato con il 118 al telefono

Sopralluogo Arena - Olimpiadi 2026 (2) - Damiano Tommasi, Luigivalerio Sant’Andrea, Elisa De Berti
Damiano Tommasi, Luigivalerio Sant’Andrea, Elisa De Berti

«Durante il sopralluogo abbiamo esaminato quali sono gli elementi di maggior criticità, per proseguire con la definizione degli interventi da eseguire. L’accessibilità dell’Arena e degli spazi riservati alle cerimonie del 2026 sono indubbiamente tra i temi più caldi, che hanno bisogno di parecchia attenzione, anche perché è necessario coordinare nel miglior modo i lavori di adeguamento con l’attività dell’anfiteatro per quanto riguarda sia la fruizione invernale del monumento che la gestione della stagione lirica estiva» ha spiegato il sindaco Damiano Tommasi, che nel frattempo è stato convocato dal Ministero a far parte della prossima cabina di regia Milano Cortina 2026, prevista per il 21 marzo nella Sala Arazzi di Palazzo Chigi, dove rappresenterà il Comune di Verona.

«Un progetto che ci sta molto a cuore e su cui ci sentiamo ancor più responsabilizzati dopo la convocazione alla prossima Cabina di Regia, perché questi giochi olimpici riguardano l’intero nostro Paese» ha concluso il Sindaco.

In Arena sono previste il 22 febbraio 2026 la cerimonia di chiusura delle Olimpiadi e il 6 marzo 2026 la cerimonia di apertura delle Paralimpiadi.

LEGGI ANCHE: Parte lo sviluppo della Marangona: a breve l’accordo