Nuovo lockdown? Crisanti:«È nell’ordine delle cose»

«Un lockdown a Natale è nell'ordine delle cose»: ne è convinto il il virologo dell'Università di Padova, Andrea Crisanti, che mette in guardia sui rischi della nuova fase dell'epidemia di Covid.

«Via via che i casi sono aumentati, – ha detto ospite di Studio24 (RaiNews24) – la capacità di contact tracing e fare tamponi diminuisce e si entra in un circolo vizioso che fa aumentare la trasmissione del virus». 

«Più che misure sui comportamenti occorre bloccare il virus: tra 15 giorni non non vorrei trovarmi a discutere di 10-12mila casi al giorno», dice Crisanti.

A suo giudizio, infatti, con un lockdown a Natale «si potrebbe resettare il sistema, abbassare la trasmissione del virus, e aumentare il contact tracing». (Ansa)

LEGGI TUTTE LE NEWS