Nuovo dpcm, Sboarina: «Ecco le misure confermate in vigore da domani»

Il sindaco Federico Sboarina ha presentato le misure confermate a livello nazionale, e quindi anche a Verona, prima della presentazione ufficiale del nuovo dpcm da parte del Premier Conte. Tutti i provvedimenti sono in vigore da domani.

AGGIORNAMENTO: LA CONFERENZA STAMPA DI GIUSEPPE CONTE, VENETO IN FASCIA GIALLA

Coprifuoco. Dalle 22 alle 5 del mattino

Chiusura piazze, strade, vie. Possibilità di chiudere 24 ore su 24, non più solo dalle 21.

Sport. Continuano solo competizioni nazionali o internazionali, tutte le categorie inferiori sospese.

Mostre e musei saranno chiusi da domani.

Trasporto pubblico. 50% della capienza

Centri commerciali. Chiusura nei festivi, al sabato e alla domenica, mantenendo aperti solo alimentari, farmacie, edicole e tabacchi.

Scuola. Dad al 100% nelle scuole superiori, in presenza nidi, materne, primo grado.

Università. Sembrerebbe che si possano fare in presenza solo alcune attività del primo anno e laboratori, tutto il resto da remoto.

Non ci sono ancora novità riguardanti la collocazione della Regione Veneto in una delle fasce colorate.

Ritorno dell’autocertificazione: per uscire di casa dopo le dieci di sera occorrerà provare di doverlo fare per ragioni di lavoro necessità, salute e studio.

«Da domani anche a Verona ci saranno nuove restrizioni – afferma il sindaco-. Chiusi i musei comunali e i centri commerciali il week end. Al momento non vedo la necessità di chiudere le piazze, i veronesi in generale sono già attenti al distanziamento. Adesso si apre la partita più grande, attendiamo di capire dal Governo in quale delle tre fasce di rischio è collocato il Veneto, a seconda dei 21 parametri che vengono vagliati dal ministero della Salute. Il tema della crisi economica e della tenuta dei nostri settori cittadini è altrettanto forte».